Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Wednesday January 23rd 2019

Pages

Insider

Archives

Abolizione dei porti nucleari di Trieste e Koper?

La portaerei nucleare George Bush
La portaerei nucleare George Bush

In occasione del 66° anniversario dalla strage atomica di Hiroshima, gli Enti locali e le Associazioni ecopacifiste che hanno deliberato o si sono impegnate per l’abolizione dei “porti nucleari” si ritroveranno a Muggia venerdì 5 agosto alle 16.00, sotto il portico del Municipio in piazza Marconi. Due sono i porti nucleari militari (abilitati a far transitare e sostare unità militari straniere a propulsione e ad armamento nucleare) nel Golfo di Trieste: Trieste e Capodistria. I Comuni di Sgonico, Monrupino, San Dorligo della Valle e Muggia, assieme alla Provincia di Trieste, hanno deliberato a vario titolo l’abolizione del porto nucleare militare a Trieste e l’adesione alla “2020 Vision” per un mondo libero da armi nucleari, perseguita tenacemente dal sindaco di Hiroshima. L’iniziativa è stata resa nota anche alla Tavola Interconfinaria per la Pace lo scorso anno a Capodistria, quando sono stati consegnati al vicesindaco e al rappresentante di Luka Koper una delle mozioni approvate e il Piano di emergenza in caso d’incidente nucleare militare in porto, redatto dalla Prefettura di Trieste.

La posizione geografica, in mezzo ai due porti nucleari, e l’attività del Comune di Muggia sui rigassificatori – che condividono con i porti nucleari problemi quali sicurezza della popolazione e militarizzazione dei territori – rendono possibile un’attività di collaborazione sul tema anche a livello interconfinario.
L’anniversario della tragedia di Hiroshima, il 6 di agosto, segna l’inizio della mobilitazione verso la Marcia Perugia – Assisi del prossimo 25 settembre, prima dell’appuntamento del 9 agosto ad Aviano, luogo di stoccaggio di ordigni nucleari, con la commemorazione della strage di Nagasaki, tradizionalmente promossa da “Beati i costruttori di pace”. In questo contesto, la mobilitazione internazionale contro le armi di distruzione di massa ha prodotto importantissimi risultati, che premono sullo “stallo” a cui è giunto il “Trattato di non proliferazione”: grazie a iniziative come la 2020 Vision, ad esempio, ben due terzi delle terre emerse sono definibili “nuclear free” in base a Trattati regionali specifici, estensibili alle nostre zone.
Dopo il secondo referendum e l’uscita definitiva dell’Italia dal nucleare civile, diviene quanto meno discutibile la presenza sul mare di vere centrali nucleari viaggianti, soggette a controlli assai meno rigorosi di quelle civili per loro stessa ragione d’essere.
Alessandro Capuzzo
Share
Related Tags: ,

Commenti

  1. […] Abolizione dei porti nucleari di Trieste e Koper? […]

Nella stessa categoria

Brevi note per un discorso su Anton Trstenjak
Brevi note per un discorso su Anton Trstenjak

In programma per mercoledì 30 gennaio, alle 18, all’Antico Caffè San Marco di Trieste, di via Cesare Battisti [Read More]

Viaggio in Dalmazia
Viaggio in Dalmazia

VENERDÌ 18 GENNAIO AL CIRCOLO DELLA STAMPA DI TRIESTE PRESENTAZIONE DEL VIDEO “VIAGGIO IN DALMAZIA” DI FRANCO [Read More]

Nora Carella, ritratto astrologico
Nora Carella, ritratto astrologico

MARTEDÌ 15 GENNAIO ALL’EX SEMINARIO DI VIA BESENGHI CONFERENZA SU “NORA CARELLA. RITRATTO [Read More]

Carnevale Europeo 2019
Carnevale Europeo 2019

DAL 14 AL 17 FEBBRAIO A TRIESTE IL CARNEVALE EUROPEO CON UNA QUARANTINA DI BANDE E GRUPPI MASCHERATI. IL PROGRAMMA [Read More]

1918-1921. Fuoco sotto le elezioni
1918-1921. Fuoco sotto le elezioni

  »1918-1921. Fuoco sotto le elezioni. Gli incidenti di Spalato, Trieste e Maresego«   È appena uscito per Luglio [Read More]