Al Triestebookfest 2019 le “storie di sogni possibili” 🗓 🗺

Al Triestebookfest 2019 le “storie di sogni possibili”

Da venerdì 18 a domenica 20 ottobre presentazioni e incontri con gli autori, reading, concerti, laboratori per i più piccoli, passeggiate letterarie. Tra gli ospiti Mario Calabresi, Federico Faggin, Simonetta Agnello Hornby, Fabio Magnasciutti, Matteo Bussola, Elisabetta Rasy, Gabriella Greison, Paolo Rumiz e molti altri.

Alessandro Barbaglia, foto fornita da Giulia Basso per Triestebookfest

“Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni”, scrisse Shakespeare ne La tempesta: i sogni non rappresentano soltanto la parte già profonda del nostro essere, ma anche un formidabile motore per l’agire umano. Le “Storie di sogni possibili” saranno il filo conduttore dell’edizione 2019 di Triestebookfest, il festival del libro e della lettura in programma da venerdì 18 a domenica 20 ottobre.

La manifestazione, che si terrà in varie sedi cittadine – musei, caffè letterari, librerie – quest’anno racconterà, insieme a tanti ospiti e come sempre attraverso i libri, le storie di chi ha inseguito un sogno, superando gli ostacoli che la vita gli ha messo di fronte, di chi non si è arreso davanti al dolore e alla fatica, di chi ha perso tutto ma è riuscito comunque a ritrovarsi, di chi aveva un progetto e lo ha realizzato. “Saranno storie di donne che hanno cambiato mondi prevalentemente maschili, come quello della scienza o dell’arte, di chi si è fatto promotore di cambiamenti sociali che sembravano impossibili, di chi ha aperto strade del sapere sconosciute, di chi è riuscito a superare i propri limiti” spiegano le organizzatrici della manifestazione Loriana Ursich, Daniela Derossi e Angela Del Prete

Sulla scia dei “sogni possibili” Triestebookfest si rivolge agli amanti della lettura di ogni età e proporrà non soltanto le classiche presentazioni di libri, ma anche reading teatrali e poetici, un concerto jazz e due eventi speciali: uno dedicato a Gianni Rodari, di cui nel 2020 si celebrerà il centesimo anniversario dalla nascita, e uno dedicato al mondo del teatro e organizzato in collaborazione con Il Rossetti.

Ad aprire il festival, venerdì 18 alle 10.30 all’Auditorium del Museo Revoltella, sarà la straordinaria storia di Federico Faggin, fisico vicentino trapiantato a Palo Alto,  in California, definito lo Steve Jobs italiano per aver sviluppato, tra la fine degli anni ’60 e i primi anni ’70, la tecnologia fondamentale per la nascita del microchip. Partendo dalla sua autobiografia recentemente pubblicata da Mondadori (“Silicio”, 2019), Faggin ripercorrerà, in dialogo con il giornalista scientifico Nico Pitrelli, le principali tappe della sua vita professionale. Di tutt’altro genere sarà la storia narrata da Mario Calabresi, giornalista ex direttore di Repubblica, che in “La mattina dopo” (Mondadori, 2019) parte da un sogno ricorrente per arrivare a una lezione importante: non si può cambiare ciò che è successo, bisogna fare pace con il passato perché la rabbia non serve a nulla (venerdì 18 alle 18.00 nell’Auditorium del Revoltella, con il giornalista Cristiano Degano). E sarà una sorta di tuffo nel passato, con uno sguardo al futuro, anche l’incontro che avrà per protagonista Simonetta Agnello Hornby e il suo ultimo libro, “Siamo Palermo” (Mondadori, 2019), una rievocazione dei luoghi dell’infanzia scritta a quattro mani con Mimmo Cuticchio. Si parlerà invece di amore che “non completa ma comincia”, con lo scrittore e fumettista Matteo Bussola e il suo “La vita fino a te” (Einaudi Stile Libero, 2018), che offrirà numerosi spunti di dialogo. Con Corrado Premuda invece ci si immergerà nell’universo della letteratura per ragazzi, ripercorrendo, attraverso il suo “Il vaso di Pandora” (Liscianigiochi, 2019) e con un incontro-laboratorio per bambini dai 7 anni, la storia della prima donna entrata nel mito greco. Sempre a proposito di donne, con Elisabetta Rasy e il suo “Le disobbedienti” (Mondadori, 2019) si viaggerà tra le biografie di artiste che hanno combattuto con audacia e vinto la dura battaglia per affermarsi, cambiando per sempre l’immagine della donna nel mondo dell’arte; a intervistarla ci sarà Luisa Antoni di Tv Capodistria. Si proseguirà il discorso nell’ambito del giornalismo, con la presentazione moderata dal giornalista Giovanni Tomasin della graphic novel “Nellie Bly” (Tunué, 2019) di Laura Cimino e Sergio Algozzino, dedicata alla  storia  vera della prima donna cronista. Ma anche la scienza ha avuto le proprie pioniere, che hanno fatto da apripista alle altre donne in un pianeta apertamente ostile, fatto di soli uomini. Sarà questo uno dei temi che emergeranno nel reading teatrale di Gabriella Greison “La leggendaria storia di Heisenberg e dei fisici di Farm Hall”. Spazio alle invenzioni in campo musicale invece con l’incontro, seguito da concerto, che avrà come protagonista Claudio Sessa, con cui si ricorderà l’opera di un personaggio chiave nella storia del jazz, il pianista Jelly Roll Morton: Sessa è il curatore del volume “Mister Jelly Roll. Vita, fortune e disavventure di Jelly Roll Morton” (Quodlibet Chorus, 2019). 

All’interno di Triestebookfest non poteva mancare un omaggio all’autore dei nostri sogni da bambini, Gianni Rodari, che sarà ricordato con un evento speciale, “Rodari rima con fantasia. Sogni (im)possibili e sassi fantastici”, curato e moderato dall’esperto di letteratura per l’infanzia Piero Guglielmino, che unirà all’insegna dell’illustrazione, della narrazione ludica e dei giochi di parole il vignettista e illustratore Fabio Magnasciutti, lo scrittore, giornalista e ludologo Beniamino Sidoti e l’editore di Edizioni EL Gaia Stock (domenica 20 alle 11.00 al Revoltella). Un altro appuntamento speciale sarà dedicato, in collaborazione con il Rossetti di Trieste, al teatro e ai suoi protagonisti: saranno infatti ospiti di Triestebookfest, introdotti dal professor Paolo Quazzolo al Revoltella, gli attori Elena Radonicich e Peppino Mazzotta. Ci sarà inoltre un reading con il poeta e libraio Alessandro Barbaglia (“Ho sognato di sognare. Storia di un bi-sogno”), introdotto dalla giornalista Sarah Del Sal, una riflessione sul viaggio e sui confini con Paolo Rumiz e Donatella Ferrario, a partire dall’ultimo libro dell’autrice, “Sconfinare” (Edizioni San Paolo, 2018), un incontro con Wlodek Goldkorn, senior editor de “L’Espresso” e autore del recente “L’asino del Messia” (Feltrinelli, 2019). E ancora la presentazione, all’interno del supermercato Coop di Largo Barriera, del libro “Libero libera tutti” (Bora.La, 2019), di Francesca Sarocchi, in dialogo con Chiara Gily e Diego Manna, e un doppio appuntamento alla libreria Minerva: con Paolo Iannacone e il suo “Voci di umanità in tempo di barbarie” (Cittadella editrice, 2019), e con la casa editrice Vita Activa, che si presenterà al pubblico del Triestebookfest. Completeranno il calendario il laboratorio per bambini Incontriamoci a bassa voce, Speciale Rodari a cura del Servizio musei e biblioteche del Comune, la passeggiata letteraria a cura di Luca Bellocchi, “Un caffè con Svevo & co.” (info e prenotazioni al 3395219806), e le cene e i brunch con gli autori, momenti conviviali per avvicinare attraverso il dialogo scrittori e lettori. 

Un incontro-anteprima del festival, sempre sul filo conduttore dei sogni possibili, sarà proposto anche nell’ambito della Barcolana: sabato 12 ottobre alle 12 al Caffè San Marco appuntamento con l’attore e conduttore radiofonico Matteo Caccia. Seguendo il format delle sue trasmissioni radiofoniche, Caccia racconterà storie di sogni che si sono realizzati, che Triestebookfest raccoglierà nelle giornate precedenti l’evento attraverso i suoi canali social. Chiunque può partecipare all’iniziativa proponendo la propria storia: ne saranno selezionate una manciata che diventeranno le protagoniste dell’incontro.

Tutti gli incontri, tranne la passeggiata per cui è previsto un piccolo contributo, sono a ingresso libero. Il programma completo è su www.triestebookfest.it

I luoghi: un festival “diffuso”

Partendo dall’Auditorium del Museo Revoltella, che grazie al supporto del Comune di Trieste sarà il centro della manifestazione, Triestebookfest si espanderà anche in molti altri luoghi cittadini: locali storici, come l’Antico Caffè San Marco e il caffè Tommaseo, e altri più recenti (Bar libreria Knulp, Mimì e Cocotte), librerie (Lovat e Minerva eun incontro in collaborazione con La Feltrinelli) e perfino all’interno di un supermercato (Coop di Largo Barriera).

Con le passeggiate letterarie infine il Triestebookfest conferma la volontà di essere “festival diffuso”, che non si chiude entro quattro mura ma si apre alla comunità dei lettori e alla città.

Collaborazioni e contributi

Il Triestebookfest è organizzato con il sostegno del Comune di Trieste, di Coop Alleanza 3.0 e Fondazione benefica Alberto e Kathleen Casali. Hanno collaborato al festival l’Antico caffè e libreria San Marco, il Caffè Tommaseo, le librerie Lovat, Feltrinelli e Minerva, il bar libreria Knulp, il teatro Rossetti. Collaborano inoltre per i momenti conviviali Arcoriccardo ristorante e Mimì e Cocotte.

Triestebookfest e Lets

Il Triestebookfest è parte della cordata di LETS – Letteratura Trieste, per la candidatura della città giuliana al network delle “città creative” dell’Unesco per il settore della letteratura. Tutti sono invitati a prendere parte all’iniziativa “Cosa Leggi Dove?” postando la foto del libro che stanno leggendo, nell’ambiente in cui si trovano, sulle pagine social @letteraturatrieste e contrassegnandole con l’hashtag #LETStart. Migliaia di segnalibro rossi con il logo LETS, che possono essere inseriti nei libri per contrassegnare lo scatto, sono in distribuzione nelle librerie, nei caffè, nelle biblioteche e nei musei di Trieste.

from to
Scheduled Arte e spettacolo
Trieste, UTI Giuliana, Friuli Venezia Giulia, Italia Map

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.