Be@t Generation tra Roiano e Gretta 🗓

Da sabato 25 a mercoledì 29 giugno DayDreaming Project propone il poli-evento Be@t Generation, che si svolgerà all’interno del cartellone del  TACT Festival tra Roiano e Gretta.

Alcuni membri del Collettivo Becoming X di Perugia, foto fornita da TACT

Saranno cinque gli appuntamenti con il progetto Be@t Generation che avranno luogo tra Roiano e Gretta dal 25 al 29 giugno: mostre fotografiche, performance musicali e teatrali, street art. Un ulteriore evento invece si svolgerà in settembre lungo il confine italo-sloveno.

Il progetto Be@t intende proporre una riflessione multimediale tra il nostro tempo digitalizzato e fortemente individualistico e l’epoca del movimento “beat”, ovvero la generazione artistica che a metà del secolo scorso ha scosso l’occidente (e non solo) infondendo nuova linfa e fresche istanze al mondo della cultura nella sua interezza.

L’altro obiettivo di questo progetto è evidenziare i legami tra forme artistiche e spazio circostante urbano (l’area Roiano-Gretta) e tra arte e spazio geoculturale e naturalistico (i territori del confine italo-sloveno).

Dalle parole di Sergio Pancaldi, vicepresidente dell’associazione DayDreaming Project: “Si vuole offrire una riflessione su quanto sia possibile parlare di controcultura nei tempi attuali, tempi in cui la diffusione del sapere e delle estetiche emergenti è dominata in maniera pressoché totalizzante dal multiverso social e dai suoi algoritmi.”

Il primo evento del progetto Be@t sarà Beat X Arena, organizzato dal collettivo di Perugia Becoming X, sabato 25 e domenica 26 giugno dalle 18 alle 21 in Piazza tra i Rivi a Roiano. Becoming X è un gruppo di artisti, disegnatori, fumettisti, designer, stampatori artigiani e musicisti che vuole unire, in performance dal vivo, arte visuale e sonorizzazione musicale. Il collettivo è stato ospite e ha organizzato eventi in autonomia in diverse location come cinema e festival. In occasione di Be@t Generation, Becoming X illustrerà dei totem prismatici e dei veri e propri fondali scenografici ispirandosi ai temi della Beat, del battito, del battere. Saranno accompagnati dal dj set del local DiscoorsettO.

Domenica 26 giugno alle 19:30 in Piazza tra i Rivi (Roiano) Marco Palazzoni, Jurica Prodan e Mattia Zanzi omaggeranno il poeta Gregory Corso durante l’evento BOMBA!.

Dalle parole di Marco Palazzoni: “Un flusso di parole, di suoni, di corpi deflagrerà in Piazza tra i Rivi per celebrare l’opera del  poeta che per primo (1958) si raffrontò in versi con l’esistenza lancinante della bomba atomica. […] La nostra performance, immersa nel contesto della Beat X Arena, scandaglierà questi ritmi e atmosfere del tumulto atomico grazie all’aiuto del sax di Jurica Prodan e le distorsioni elettroniche di Mattia Zanzi.

Nondimeno sarà l’intervento corale del pubblico ad essere necessariamente chiamato in causa per esorcizzare questo orrore che, come nei brutti sogni, può sembrare molto vicino.”

Lunedì 27 giugno alle 17:00 il Liberatorio d’Arte Fulvio Zonch di Romans d’Isonzo (GO), propone l’ex tempore “33 1/3” dedicata al disco di Duke Ellington “Anatomy of a Murder”. 33 1/3 , arrivata alla sua dodicesima edizione, prevede che i partecipanti riproducano, reinterpretandola liberamente, la copertina di un disco particolarmente iconico nella storia dell’illustrazione musicale. Gli artisti sono liberi di utilizzare qualsiasi tecnica.
L’evento sarà accompagnato dal dj set del dj vintage Yeronimus Kaplan.

Lunedì 27 giugno alle 19:00 verrà inaugurata a Villa Prinz la mostra fotografica “Le icone, i miti e noi. Interpretazioni fotografiche” a cura di Monica Mazzolini. Tre fotografi hanno interpretato e rivisitato sia volti iconici che figure familiari, così come elementi della vita quotidiana, in chiave Pop.
Giuliana Traverso mette a confronto Andy Warhol con un volto noto della fotografia come Lanfranco Colombo, Alessandro Fruzzetti rappresenta in serie la figura materna e Massimiliano Muner con le sue Polaroid trasforma delle farfalle in metafore di leggerezza e forza.
Mercoledì 6 luglio alle 18:00 sarà possibile partecipare a una visita guidata della mostra.

Mercoledì 29 giugno alle 18:30 Monica Mazzolini terrà una lezione di storia dell’arte a Villa Prinz dal titolo “La Pop Art: un incontro tra arte e società”, durante il quale verrà analizzato il contesto in cui a partire dagli anni ‘50 si è sviluppato il famoso movimento artistico. L’obiettivo dell’incontro è di eliminare quella visione superficiale che ci porta a considerare la Pop Art come una corrente artistica dal carattere frivolo. Si parlerà di linguaggio di massa, del significato dei termini icona e mito, di consumismo e di Andy Warhol.

Be@t Generation si concluderà in settembre con Mangiautore, un evento organizzato dal poeta Alessandro Burbank il quale seguirà un percorso storico, culturale ed enogastronomico che lo porterà da Trieste a Gorizia, camminando lungo il confine italo-sloveno per una durata totale di due settimane. L’esperienza sarà documentata sottoforma di web serie dal videomaker Yalmar Destefanis.

Tutti gli eventi sono a entrata gratuita.

Be@t Generation è organizzata dall’Associazione culturale DayDreaming Project, grazie al sostegno di Regione Friuli Venezia Giulia.

from to
Scheduled Arte e spettacolo Associazioni Trieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.