Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Monday January 21st 2019

Pages

Insider

Archives

Bioest 2016

BIOEST 2016

COMUNICATO STAMPA

Oggetto: Illustrata oggi (mercoledì 1° giugno 2016) all’Antico Caffè San Marco di Trieste l’edizione 2016 di Bioest, l’annuale fiera del biologico e dei prodotti naturali, delle associazioni ambientaliste, culturali e del volontariato. Quest’anno, dopo aver ospitato nel 2015 INES (Incontro Nazionale della rete dell’Economia Solidale), l’evento si presenta in concomitanza con La Giornata Mondiale dell’Ambiente – da cui la scelta del tema, “Le Giornate dell’ambiente” e vedrà la presenza di oltre cento espositori provenienti da tutta Italia, dalla Slovenia e dalla Croazia. Tra gli eventi più attesi, il laboratorio per la realizzazione delle meridiane solari con lo gnomista Stefano Giuliani e l’intervento di Stefano Soldati di Permacoltura La Boa, esperto di agricoltura alternativa che terrà un workshop teorico e pratico, con una lezione in campo.Inaugurazione ufficiale, sabato 4 giugno alle ore 10.30.

Manifesto-2016-140-x-200-717x1024Torna per il 23esimo anno Bioest, la tradizionale Fiera dei prodotti naturali e delle Associazioni ambientaliste, culturali e del volontariato. Quest’anno la manifestazione, promossa dall’Associazione Bioest – Gruppo Ecologista Naturista di Trieste in collaborazione con l’Amministrazione comunale, si concentrerà nelle giornate di sabato 4 e domenica 5 giugno e avrà per tema “Le Giornate dell’ambiente”. Quest’anno infatti, l’evento coinciderà con La Giornata Mondiale dell’Ambiente, da cui la scelta del tema.

Anche questa 23esima edizione si svolgerà nel Parco dell’ex OPP di San Giovanni con la formula consueta di mercato-luogo d’incontro. Particolarmente ampia la presenza delle associazioni per un appuntamento in piazza che da sempre rappresenta una buona occasione per informare, discutere e presentare progetti. Tra gli eventi clou, spiccano il laboratorio per la realizzazione delle meridiane solari con lo gnomista Stefano Giuliani e l’intervento di Stefano Soldati di Permacoltura La Boa, esperto di agricoltura alternativa che terrà un workshop teorico e pratico, con una lezione in campo. Bioest 2016 prevede, dalle 9 alle 21 con ingresso libero, corsi, presentazioni di libri (su “Progettare l’autosufficienza – permacultura urbana” con Stefano Soldati, “La cosmesi consapevole… e non solo” con Berenice Scarabelli, “Musicoterapia: per far risuonare la voce del cuore” con Donatella De Colle e la presentazione del corso di benessere a cura di Mirzakarim Norbekov, autore del libro “La saggezza dell’asino” ), un “Incontro con le Api” alla scoperta delle arnie con il veterinario Livio Dorigo, una “Conferenza in passeggiata” con Oleoliti Furio Sugan per conoscere le erbe e la distillazione, spettacoli di danza tradizionale, musica, laboratori, un “Giro nell’Orto Urbi et Horti” per osservare il paesaggio e numerose attività per bambini, tutte gratuite.

Cinque le aree interessate: Area Prato, Area Chiesa, Area Villas, Area Glicine e Sala Rosa.

Per tutta la giornata, sia sabato che domenica, ci si potrà cimentare in lezioni di Chiwalking, Tai Chi Chuan, Tai Chi Mei Hua, Yoga e Hatha Yoga, Ginnastica Mamma+Neonato e intima femminile, Pilates, Difesa Personale, Karate, Power Functional Trainig Taiso, Verci Yoga Posturale Dinamico, Aeroyoga, Multi-riflessologia facciale vietnamita, NutriMind Workshop, Easydance ed Ecstatic Dance, Ticao Qing De, Biodanza e il Nido di suoni per bambini con Biosuono, Contatto Sensibile e Canti di Findhorn.

Tra le performances, quella teatrale a cura dell’Associazione Oltre quella sedia e “Fiati, cappelli…e fantasia” con il Gruppo dei ragazzi 2001 color_ado e il Quintetto di fiati Hamelin.

Tra gli appuntamenti musicali, il concerto di Angel’s Egg, esibizioni del Gruppo di Danze tradizionali greche della Comunità Greco Orientale e corsi di Didgeridoo e campane tibetane.

“L’Associazione Bioest – ha spiegato Edi Pernici dell’Associazione Bioest – organizza fin dal ’93, grazie al lavoro volontario dei soci, una delle fiere più note in Italia nel campo dei prodotti biologici e del naturale. La formula resta sostanzialmente invariata. La festa–mercato vedrà quest’anno la presenza di oltre cento espositori da tutta Italia e dall’estero: piccoli produttori nel campo dell’agricoltura biologica e dell’artigianato biocompatibile che divulgheranno la cultura del biologico. Ci saranno come da tradizione agricoltori biologici e biodinamici, piccole aziende di trasformazione di prodotti alimentari, artigiani e artisti che proporranno lavorazioni interamente manuali o con macchinari semplici e tradizionali, produttori di abbigliamento, tessuti e cosmesi naturale, editoria specializzata e tanto altro. Da sempre Bioest intende contribuire al rispetto dell’ambiente, degli animali e dell’essere umano e di favorire nel contempo il miglioramento economico e sociale. Per questo, a lato del mercato, a condividere la piazza saranno presenti le associazioni del territorio impegnate in vari ambiti del volontariato (ambientalista, di solidarietà, economia alternativa, salute naturale e cultura critica) che offriranno il loro contributo con campagne di informazione e si renderanno disponibili a condividere esperienze e favorire momenti di discussione e riflessione: l’intento è quello promuovere la conoscenza e l’informazione sul mondo del biologico e sul consumo consapevole. La scelta del biologico non è solo legata alla salute, ma è sostenibile anche dal punto di vista sociale poiché interviene su tutta la catena alimentare dalla produzione all’utilizzo del prodotto e quindi concorre alla salute della collettività. Dal punto di vista ambientale, può meglio garantire la biodiversità, difendere gli aspetti paesaggistici del territorio, sostenere i consumi locali e la filiera corta e non dar luogo a sovrapproduzioni, limitare l’inquinamento dovuto al trasporto e ai rifiuti di imballaggio, sostenere un’agricoltura sociale favorendo l’integrazione nel mondo del lavoro delle categorie svantaggiate, promuovere un modello di sviluppo equo e sostenibile praticabile in tutto il mondo, un modello che afferma la sovranità alimentare di ogni popolazione.

La partecipazione attiva di moltissime associazioni arricchirà la mostra-mercato con conferenze, dibattiti e presentazione di progetti di solidarietà. Saranno due giorni per conoscere, provare, condividere, divertirsi con degustazioni, risparmio etico, biocosmesi, buone pratiche, benessere, salute, mostre, spettacoli, musica e animazione per bambini.

Non mancherà la ristorazione, rigorosamente vegetariana e vegan. La manifestazione sarà seguita in diretta da Radio Fragola (FM 104.500-104.800, streaming su www.radiofragola.com).

In accordo con la Polizia Locale è stata garantita la presenza di steward che agevoleranno il parcheggio. Le persone con ridotta mobilità avranno a disposizione spazi riservati.

“Bioest 2016” sarà inaugurata ufficialmente sabato 4 giugno alle ore 10.30

Programma completo su www.bioest.org e sulla pagina fecebook dedicata www.facebook.com/Associazione-Bioest-108116172557554/.

Per informazioni:

Associazione Bioest – Gruppo Ecologista Naturista di Trieste

sito web: www.bioest.org

e-mail:info@bioest.org

Ufficio stampa Bioest 2016: Gianfranco Terzoli cell. 3388313036

Con cortese preghiera di pubblicazione/diffusione.

La Giornata Mondiale dell’Ambiente

E’ la campagna della Nazioni Unite per stimolare, in tutto il mondo, consapevolezza e azioni per l’ambiente. Negli anni è cresciuta fino a diventare una grande piattaforma globale per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica ed è celebrata in oltre 100 paesi. È allo stesso tempo una “giornata popolare” in cui fare qualcosa di positivo per l’ambiente, per far sì che le azioni individuali diventino una forza collettiva e generando così un impatto positivo esponenziale sul pianeta.

La Giornata Mondiale dell’Ambiente è una festività proclamata nel 1972 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite e viene celebrata ogni anno il 5 giugno.

Ogni edizione ha un tema come filo conduttore che lega tutte le iniziative mondiali che si svolgono in onore dell’Ambiente. Nel 2013 la giornata del 5 giugno è stata intitolata “Think, eat, save” ovverosia pensa, mangia e risparmia. Non solo un tema, ma un vero e proprio motto che ha visto ogni Stato, ONG, e comitato regionale partecipare a migliaia di iniziative in tutto il mondo. nel 2012 la manifestazione principale era stata ospitata in Mongolia e ha avuto come tema principale il contrasto allo spreco alimentare.

La Mongolia è infatti, uno dei Paesi che sta crescendo maggiormente nel mondo, e punta a garantire questa crescita con una economia verde. Mentre la Mongolia non spreca cibo in modo significativo, il tradizionale stile di vita nomade di alcuni dei suoi abitanti – che hanno sviluppato modi per conservare gli alimenti per lunghi periodi – offre alcune antiche risposte alla sfida moderna degli sprechi alimentari.

Ogni anno nel mondo un terzo del cibo prodotto viene gettato durante uno dei passaggi dal produttore al consumatore. Lo ricorda l’UNEP, l’agenzia dell’Onu per l’ambiente, che ha scelto appunto il tema della ‘impronta alimentare’ per giornata mondiale per l’Ambiente per richiamare ciascuno alla responsabilità e poter diventare protagonista del cambiamento a sostegno di uno sviluppo sostenibile ed equo

Questi 1,3 miliardi di tonnellate di derrate alimentari, spiega l’agenzia, del valore di mille miliardi di dollari, sarebbero sufficienti a nutrire gli 870 milioni di persone che ogni giorno non hanno da mangiare, oltre a rappresentare uno spreco di emissioni di CO2. Per sottolineare l’amara ironia del fatto che lo spreco di cibo è al massimo in un momento in cui è facile conservare i cibi l’UNEP e la FAO hanno invece raccolto in un sito tutti i modi in cui tradizionalmente vengono conservati gli alimenti. L’iniziativa ha riscoperto ad esempio la pratica dell’esercito di Gengis Khan di essiccare così tanto la carne da far ridurre una mucca alle dimensioni di un pugno, o quella ancora usata dagli inuit di preparare il Kiviak-a facendo fermentare la carne di un piccolo uccello marino all’interno di un sacco di pelle di foca. ‘”Ridurre il cibo sprecato è una sfida economica, etica e ambientale – ha osservato Achim Steiner, direttore generale dell’Unep – uno dei modi è guardare a come culture meno sprecone danno valore a ogni singolo boccone e valutare come imitarle”.

Earth Day Italia e la Giornata Mondiale dell’Ambiente

Earth Day Italia in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente 2013 ha inaugurato il Forum Terra Italia. Il 5 giugno 2013 nella Biblioteca degli Uffizi si è svolto il Convegno “Investimenti per un Rinascimento Verde – Capitale naturale, umano ed economico diventano partner in vista dell’Expo 2015”. La finanza è considerata dall’opinione pubblica tra le principali cause della crisi economica attuale, ma nonostante ciò continua a rappresentare una delle più importanti leve per un cambiamento possibile, e ci si è chiesto quanto sia concepibile tornare a usare il capitale economico come mezzo per raggiungere il bene comune e non come fine da perseguire a discapito della società e dei territori.
Per rispondere a questa domanda Earth Day Italia ha deciso di coinvolgere imprese, organizzazioni finanziarie, istituzioni e associazioni affinché si lavori insieme per proporre modelli innovativi di investimento capaci di produrre impatti positivi per l’Uomo e la Terra. Obiettivo del Forum Terra Italia è stata la rinascita, un Rinascimento Verde in grado di rinnovare il rapporto tra sviluppo economico e sviluppo sociale in armonia con l’ambiente.
In questo contesto Earth Day Italia ha organizzato assieme a FAO, Coldiretti, ENEA e CNR un incontro per comprendere le possibilità offerte dagli investimenti d’impatto in grado di convogliare capitali privati pazienti su iniziative volte a produrre sviluppo economico e sostenibile per i territori italiani; quei capitali quindi, che non cercano profitti in tempi brucianti e che non sono speculativi, perché sanno attendere i rendimenti in tempi ragionevoli per la produzione di innovazione sociale e ambientale.

Giornata mondiale dell’ambiente 2016, il mondo come lo vorreste (e non)

Città, mare, montagna, lago: la natura e l’habitat da preservare. Vi chiediamo di guardarvi attorno e di raccontarci cosa vorreste conservare del panorama che vi circonda. Quali sono gli angoli che vanno salvati e difesi dal degrado. Mandate foto e video anche per segnalare e denunciare l’ambiente “dimenticato”.

Una giornata per ricordare che l’ambiente è il luogo da preservare per crearsi un futuro. E’ il 5 giugno, data scelta in tutto il mondo per celebrare la Natura, a cominciare dalle specie più a rischio. Come gli elefanti e gli altri animali selvatici, la cui vita viene messa a rischio ogni giorno dai bracconieri: solo nel continente africano, scelto quest’anno come patria dell’evento che verrà celebrato in Angola, vengono massacrati più di 20.000 pachidermi ogni anno a causa della richiesta dell’avorio delle loro zanne, su una popolazione complessiva di circa 500.000 esemplari. Purtroppo non va meglio ai rinoceronti, braccati per il loro corno: da meno di 20 uccisi dal bracconaggio nel 2007, siamo arrivati ai 1215 del 2014.

“L’arte del tempo”

Domenica 5 giugno alle ore 10.00 si terrà l’incontro sui principi di lettura e costruzione di una semplice meridiana con lo gnomista Stefano Giuliani dal titolo “L’arte del tempo”.

Il laboratorio artigianale di gnomonica ArteSole è attivo da molti anni ed ha realizzato in tutta Italia molte decine di meridiane diverse.

I progetti che ArteSole propone sono unici e originali e prevedono quadranti solari verticali e meridiane orizzontali o a basamento per adattarsi con eleganza al contesto architettonico che li accoglie.

L’orologio solare verticale, di solito, è dipinto in affresco di marmo e calce oppure a secco con la resina acrilica. Piú raramente è inciso su pietra o dipinto su pannello. Le meridiane da pavimento sono realizzate con la tecnica del mosaico di pietra o di vetro e a intarsio. Altre meridiane insolite sono ottenute con l’insieme di queste tecniche oppure con smalto su lamina metallica e olio su legno.

Nelle meridiane da giardino, per la realizzazione del quadrante e dello gnomone, trovano elegante impiego elementi in ceramica, ottone e bronzo.

I sistemi orari rappresentati sono principalmente a: ora moderna o “Francese”; ora Italica o “al tramonto”; ora Babilonese o “dall’alba”. L’ora mostrata dalle meridiane ArteSole è quella Civile oppure quella Locale del sito in cui si trovano.

Tutti gli orologi solari di ArteSole funzionano anche come calendario solare indicando tradizionalmente le date astronomiche più importanti come il solstizio d’inverno, l’equinozio di primavera, il solstizio d’estate e l’equinozio d’autunno oppure, in maniera più originale e personalizzata, le date importanti per la committenza come anniversari e compleanni dei componenti della famiglia.

Di fronte ad un nuovo progetto, ArteSole compie sempre un sopralluogo preliminare durante il quale si premura di valutare l’esposizione solare e lo stato della parete o del pavimento su cui intervenire. è questa l’occasione per cogliere, insieme al gusto del committente, gli elementi tecnici ed architettonici utili alla preparazione di alcune proposte artistiche che vengono montate sul materiale fotografico raccolto sul posto.

“Le mani nella terra”

Domenica 5 giugno 2016 alle ore 15.30 si terrà l’incontro dal titolo “Le mani nella terra” con ospite Stefano Soldati.

Workshop gratuito sugli orti cittadini e le food forest dov’è possibile incontrare i nuovi contadini urbani e scopri ìre come coltivare negli spazi verdi cittadini. Il corso si tiene in collaborazione con l’Associazione Urbi et Horti e avrò come ospite speciale Stefano Soldati di Permacoltura La Boa.

L’incontro si compone di due parti: “I segreti della semina2, corso gratuito e aperto a tutti con lo scopo di promuovere, progettare e realizzare esperienze di agricoltura sociale a livello territoriale. Il corso è rivolto a tutti coloro che vogliono imparare a diventare orticoltori o giardinieri anche sul proprio balcone o interessati a confrontarsi con il tema dei beni comuni.

Nella seconda parte pratica ci si recherà nell’orto all’interno del Parco gestito dal Gruppo Urbi et horti per visionare e mettere le mani veramente nella terra. Si parlerà di come trasformare i boschi in supermercati dove procurarsi cibo, medicinali, integratori vitaminici, combustibile e tanto altro. I visitatori verranno invitati a scoprire le Food Forest, sistemi agricoli composti da alberi, arbusti, cespugli, rampicanti, piante erbacee perenni da foglia e da radice, che producono frutti, foglie, ori, radici, legna utilizzabili in cucina, in erboristeria o come alimento per gli animali.

Stefano Soldati

Da oltre trent’anni si occupa di cerealicoltura e da venticinque di agricolture alternative. Da vent’anni gira per il mondo insegnando cerealicoltura biologica, management aziendale, Permacultura (progettazione sostenibile) e dal 2003 si occupa di costruzioni con balle di paglia. É uno dei primi quattro italiani diplomati in Permacultura. È stato il primo Presidente della Accademia Italiana di Permacultura. Ha studiato nel Regno Unito con Barbara Jones le tecniche di costruzione con balle di paglia, l’intonaco in terra cruda e in calce, formandosi come progettista e docente. Si è specializzato in terra cruda presso il centro FAL e.V. di Ganzlin Germania. È docente presso la Scuola di Pratiche Sostenibili di Milano, presso l’Ecovillaggio GAIA a Navarro (Argentina). Ha insegnato presso il CAT in Galles (UK), per lo IUAV (Istituto Universitario Architettura Venezia) e per l’Agenzia CasaClima a Bolzano. Nel 2011 è stato nominato dall’Ente Governativo Argentino INTI quale “Giudice Esperto Internazionale” insieme a David Holmgren nel concorso di idee progetto per la costruzione della nuova sede dell’Ente a Buenos Aires. Ad oggi ha lavorato su 45 edifici in paglia in Italia e all’estero o supportando i progettisti e/o insegnando l’autocostruzione. È stato il primo in Italia a tenere corsi sulla realizzazione di Food Forest e giardini commestibili e nel periodo 2011/2013 ne ha realizzati quindici.

PROGRAMMA

Sabato 4 giugno

Ore 9.00 APERTURA MANIFESTAZIONE

Ore 10.30 CHIWALKING PerForm – Gary Brackett Area Prato

Ore 11.00 TAI CHI CHUAN Marco Guerrini Area Prato
Ore 12.00 HATHA YOGA Eva Kurilic – Metamorfosys Area Prato
Ore 12.00 Costruzione di una meridiana Stefano Giuliani, gnomonista Area Chiesa

Dalle ore 13.00 alle ore 15.30 KOKOROZASHI DOJO Area Prato:

Ore 13.00 Ginnastica Mamma+Neonato
Ore 13.30 Pilates
Ore 14.00 Yoga
Ore 14.30 Difesa Personale
Ore 15.00 Makotokai Karate
Ore 15.30 Power Functional Trainig Taiso

Ore 15.00 Progettare l’autosufficienza – permacultura urbana Stefano Soldati Sala Rosa
Ore 15.00 TAI CHI Robertho Fato Area Chiesa

Ore 16.00 YOGA – Saluto al Sole con Gessica Modolo Area Prato
Ore 16.00 GINNASTICA INTIMA FEMMINILE Ass. LAB Mascia Salonia Area Villas
Ore 16.00 TEATRO OLTRE QUELLA SEDIA Area Chiesa
Ore 16.30 VERCI YOGA POSTURALE DINAMICO con Veronika Vasko Area Prato

Ore 16.30 Presentazione del libro: La cosmesi consapevole… e non solo” Berenice Scarabelli Sala Rosa
Ore 17.00 TAI CHI MEI HUA M° Zhao Ning Jun Area Chiesa
Ore 17.30 INDIEMOTION Kaartik Area Villas

Ore 17.30 MAMAYA Area Prato
Ore 17.30 N.I.A. Easydance, Sumberaz, Ferroni Area Chiesa

Ore 18.30 DRUNKEN SAILORS Area Chiesa
Ore 18.30 YOGA DINAMICO Debora Cesaratto – Metamorfosys Area Prato

Ore 18.30 Presentazione del libro: “Musicoterapia: per far risuonare la voce del cuore” della dott.ssa Donatella De Colle Sala Rosa

Ore 18.30 NutriMind Workshop con Bloom Trieste Area Villas

Ore 19.00 Vibrazioni musicali: Didgeridoo Prato Rosa
Ore 19.30 POWER FUNCTIONAL TRAINIG TAISO Kokorozashi Dojo Area Prato
Ore 19.30 OFFICINE ARTISTICHE Area Chiesa
Ore 20.00 AEROYOGA PerForm – Gary Brackett Area Prato

Ore 20.00 EVENTO MUSICALE Angel’s egg – Area Glicine

Ore 20.30 Gruppo di Danze tradizionali della Comunità Greco Orientale di Trieste Area Chiesa

Ore 20.30 ECSTATIC DANCE Kaartik Area Villas

Domenica 5 giugno

Ore 10.30 CHIWALKING PerForm – Gary Brackett Area Prato

Ore 11.00 TAI CHI CHUAN Marco Guerrini Area Prato

Ore 12.00 HATHA YOGA Enrico Miniati-Metamorfosys Area Prato

Ore 12.00 Fiati, cappelli…e fantasia con il Gruppo dei ragazzi 2001 color_ado e il Quintetto di fiati Hamelin Area Chiesa

Dalle ore 13.00 alle ore 15.30 KOKOROZASHI DOJO Area Prato
Ore 13.00 Ginnastica Mamma+Neonato
Ore 13.30 Pilates
Ore 14.00 Yoga
Ore 14.30 Ticao Qing De (Stretching)
Ore 15.00 Difesa Personale
Ore 15.30 Makotokai Karate
Ore 15.30 TAI CHI Robertho Fato Area Chiesa
Ore 16.00 YOGA Gessica Modolo Ass. ABC Area Prato
Ore 16.00 BIODANZA Antonio Sannino Area Chiesa
Ore 16.00 GINNASTICA INTIMA FEMMINILE Ass. LAB Mascia Salonia Area Villas

Ore 16.30 Magda Zuliani Presentazione della Multi-riflessologia facciale vietnamita Dien Chan Sala Rosa
Ore 17.00 HATHA YOGA Lara Vessel Metamorfosys Area Prato
Ore 17.00 Trio vocale “Orsa minore-artigianato vocale” presenta “D’amore e di lotta” Area Glicine
Ore 17.00 N.I.A. Easydance, Sumberaz, Ferroni Area Chiesa
Ore 18.00 POWER FUNCTIONAL TRAINIG TAISO Kokorozashi Dojo Area Prato
Ore 18.00 TEMPIO DELLA LUNA Yasmine Anubi Area Chiesa

Ore 18.00 Irina Dalnya: Conferenza di presentazione del corso del benessere di Mirzakarim Norbekov, autore del libro La saggezza dell’asino Sala Rosa

Ore 18.00 Vibrazioni musicali: campane tibetane Prato Rosa
Ore 18.30 AEROYOGA PerForm – Gary Brackett Area Prato
Ore 19.00 DANZE TRADIZIONALI GRECHE Scuola Tersiphori Area Chiesa

Sabato e domenica

Dalle ore 11.00 alle ore 16.00 NIDO DI SUONI Area Villas
BIOSUONO con Ornella Serafini

CONTATTO SENSIBILE con Miriam Baruzza

CANTI DI FINDHORN con Emiliana Brero
Ore 11.00 “Incontro con le Api” alla scoperta delle arnie con il veterinario Livio Dorigo
Ore 16.00 “Conferenza in passeggiata” con Oleoliti Furio Sugan per conoscere le erbe e la distillazione Ore 16.30 “Giro nell’Orto Urbi et Horti” per osservare il paesaggio

I ragazzi di illuminADO saranno i nostri Steward e Hostess per tutta la manifestazione

bioest

Associazione Bioest

Gruppo Ecologista Naturista di Trieste

Associazione iscritta al n° 367 del Registro Regionale del Volontariato del F.V.G.

via dei Porta, 72 – 34100 TRIESTE – c.f. 90056920326

info@bioest.org

www.bioest.org

Share
Related Tags:
Previous Topic:
Next Topic:

Nella stessa categoria

Stagione lirica 2019/2020 del Teatro nazionale croato Ivan Zajc di Fiume
Stagione lirica 2019/2020 del Teatro nazionale croato Ivan Zajc di Fiume

conferenza stampa odierna nella sede del Consolato della Repubblica di Croazia a Trieste.Sono intervenuti: Nevenka [Read More]

Gennaio da Juna
Gennaio da Juna

Da lunedì 7 gennaio A lezione di Respiro A partire da lunedì 7 gennaio 2019 la dott.ssa Leonarda Majaron terrà un [Read More]

Trieste Film Festival 2019
Trieste Film Festival 2019

In programma dal 18 al 25 gennaio prossimi, il Trieste Film Festival 2019 è pronto a celebrare un doppio, felice [Read More]

III edizione Arti in Piazza
III edizione Arti in Piazza

Impressioni di Natale" III edizione: l'1 e 2 dicembre l'associazione Arti in Piazza aprirà il calendario dei mercatini [Read More]

Wunderkammer sbarca alla Torre del Lloyd
Wunderkammer sbarca alla Torre del Lloyd

ALLA TORRE DEL LLOYD DUE APPUNTAMENTI AD INGRESSO LIBERO VENERDì 30 NOVEMBRE E DOMENICA 2 DICEMBRE - WUNDER WEEKEND [Read More]