Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Wednesday July 17th 2019

Pages

Insider

Archives

Butterfly 🗓 🗺

Se potessi ridisegnare il mondo, userei ali di farfalla…

Inizia così il racconto della vita di Cio-cio-san, la gheisa innamorata del Luogotenente Pinkerton.

Teatralmente immedesimata la recitazione di Silvia Priori accompagnata dalla voce del soprano giapponese Kaoru Saito in “Butterfly” per il primo spettacolo fuori abbonamento della Contrada che si è tenuto nel Teatro Orazio Bobbio venerdì 16 novembre alle 20.30.

Accurata la ricerca e lo studio delle tradizioni giapponesi che si nota da molti particolari come la posizione delle spade al conteggio numerico attraverso le mani in una posizione di dita completamente diversa dalle nostre abituali, dalla vestizione del kimono alla cerimonia del te e per finire alla danza con i ventagli.

Una geisha è un’artista che si trasforma ogni giorno in un’opera d’arte e lo fa con rispetto e devozione.

Il dolore di una bimba nata in un contesto difficile, lo strazio dell’abbandonare la madre a soli sei anni, la sua gioia nell’arrivare in una scuola di vita che però si rivela fin da subito molto difficile e dura, la portano a voler trovare l’amore anche dove non c’è.

Una passione finita entro i termini, l’abbandono dell’amato, l’attesa e per ultimo la perdita del figlio, sembra più che mai un dolore insopportabile, come il rifiuto di tutti ad amarla.

Trova come unica risposta, un gesto che restituisce onore a chi non può più possederlo.

Morire con onore se non si può più vivere con onore.

Un dramma coperto da petali di fiori in una Giappone antica, che conserva però ancor oggi fin troppe regole ferree.

Un bel dì vedremo, canta Butterfly, sognando un luogo che diverrà paradiso.

Laura Poretti Rizman

 

foto fornita da La Contrada

Sarà la “Butterfly” ad aprire la stagione dei fuori abbonamento della Contrada di Trieste. Venerdì 16 novembre alle 20.30 al Teatro Bobbio andrà in scena questo spettacolo che mescola recitazione, canto e musica e che nasce da una ricerca intorno a “Madame Butterfly” di David Belasco.  In scena l’attrice Silvia Priori che ha curato anche lo spettacolo e la soprano Kaoru Saito.

Cio-cio-san, la gheisa innamorata del Luogotenente Pinkerton, si veste di speranza e aspetta. Aspetta il ritorno del suo amato. È capace di aspettare e la sua attesa è intrisa di gioia, di ingenue aspettative, di sogni a colori, di incontri che mai avverranno, di abbracci e di desideri. Ha fiducia, ed è convinta che la sua attesa si possa volgere in gioia nel momento in cui il pennacchio di una nave, un fil di fumo, dividerà in due l’orizzonte del mare di Nagasaki.

«Vogliamo raccontare la vicenda intima di Butterfly – racconta Silvia Priori – la sua carica emotiva, la sua purezza, e la sua instancabile attesa in un’atmosfera esotica. La sua solitudine è l’alcova per sognare il desiderato incontro con il suo amato, una Penelope orientale che tesse le trame di un amore infinito, fedele, devoto, che va oltre se stessa. “Butterfly” è una delle storie d’amore più profonde concepite. Amore sensuale, erotico ma sublime. Butterfly è una geisha, un’artista del mondo che fluttua, canta, danza e vi intrattiene. Il resto è ombra, il resto è segreto».

Questa Butterfly è la celebrazione della speranza sul confine fra realtà e illusione, dell’affetto materno fino a giungere all’autodistruzione per la felicità altrui. Il suo ritmo è la lentezza con cui ogni momento della giornata, ogni pensiero, ogni turbamento, è dilatato come attraverso una lente d’ingrandimento, diventando un evento di straordinario rilievo e importanza, come le cose, le piccole cose che accompagnano la quotidiana vicenda della donna: una cintura, un piccolo fermaglio, un ventaglio, la lama con cui il padre si è suicidato, l’obi che vestì da sposa.

La regia dello spettacolo è di Kuniaki Ida, in collaborazione con Roberto Gerboles. le musiche sono di Robert Gorick, la scenografia di Luigi Bello, i costumi di Sartoria Bianchi – Milano e Vittoria Papaleo. La produzione dello spettacolo è di TeatroBlu.

Informazioni: 040.948471; contrada@contrada.it; www.contrada.it.

Share
Arte e spettacolo
Teatro Orazio Bobbio, 12/A, Via del Ghirlandaio, Barriera Vecchia-San Giacomo, Trieste, UTI Giuliana, Friuli Venezia Giulia, 34138, Italia Mappa

Nella stessa categoria

Festival Jazz all’Arco di Riccardo
Festival Jazz all’Arco di Riccardo

“Festival Jazz all’Arco di Riccardo”. Prosegue la rassegna estiva musicale a ingresso libero in programma [Read More]

Programma estivo di concerti di Orchestra Vecia Trieste e GuggenBand Muja
Programma estivo di concerti di Orchestra Vecia Trieste e GuggenBand Muja

Programma estivo di concerti di Orchestra Vecia Trieste e GuggenBand Muja Anno intenso per l’Associazione [Read More]

Angelo Branduardi a San Giusto
Angelo Branduardi a San Giusto

HOT IN THE CITY PRESENTA ANGELO BRANDUARDI IN CONCERTO SABATO 20 LUGLIO 2019 h 21 Piazzale Castello di San Giusto [Read More]


Warning: mime_content_type(/freaks/wp-content/uploads/2019/07/©2018-Alain-Hanel-OMC-42-150x150.jpg) [function.mime-content-type]: failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.freaksonline.it/home/freaks/wp-content/themes/antisnews/cropper.php on line 401

Warning: finfo_file(/freaks/wp-content/uploads/2019/07/©2018-Alain-Hanel-OMC-42-150x150.jpg) [function.finfo-file]: failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.freaksonline.it/home/freaks/wp-content/themes/antisnews/cropper.php on line 409
Monsieur Choufleuri
Monsieur Choufleuri

L’Operetta di Offenbach al Castello di San Giusto nell’ambito di Triestestate, manifestazione promossa dal Comune [Read More]

Un ozioso disinteresse, un fantasioso incanto, replica
Un ozioso disinteresse, un fantasioso incanto, replica

STORIE NELL’ARTE percorsi teatrali Giugno – settembre 2019 MUSEO REVOLTELLA – TRIESTE Venerdì 19 luglio [Read More]