Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Friday August 23rd 2019

Pages

Insider

Archives

COME DIVENTARE SLOVENI IN 50 MINUTI

Uno spettacolo davvero divertente quello che vede interagire un’uomo vestito da donna con un’altro uomo nel tentativo di convincerlo a restargli vicino entrando nella comunità slovena. Prettamente in lingua slovena, presenta alcune slide in lingua italiana ma nell’interloquire con il suo amato attraverso un canale telematico, ci sono anche degli scambi in lingua italiana.

La comunità che partecipa è perlopiù slovena ma lo spettacolo risulta godibilissimo anche da parte di un pubblico che vive queste terre e pensa di comprendere la lingua slovena, pur nella sua difficoltà di desinenze e di accenti.

Ricco di canzonature nei confronti di chi non comprende, lo spettacolo vuole e riesce nonostante tutto, essere un ponte di collegamento tra le comunità.

Imparare lo sloveno dunque può servire per moltissime cose, come quelle del muoversi in maniera più agevole nelle terre di confine, per poter andare a teatro e scrutare con estrema attenzione se i sovratitoli in italiano corrispondano perfettamente a quanto detto, ma soprattutto capendo meglio la lingua non ci sono incomprensioni e si impara a conoscere meglio il vicino rendendolo fratello.

Musica, poesia, tradizioni, usi e costumi, sono narrati  da Daniel Dan Malalan, che alterna la comicità alla poesia, lasciando spazio alla musica suonata da Boštjan Zavnik ed alla sua fisarmonica; Alessandro Mizzi presta la sua recitazione nel ruolo del compagno pugliese prescelto.

Lo spettacolo è stato presentato allo Slofest ed ora è itinerante sul territorio.

©Laura Poretti Rizman

foto TSS foto dal sito TSS

COME DIVENTARE SLOVENI IN 50 MINUTI

Teatro Stabile Sloveno, Associazione culturale Spaesati, Glasbena Matica

in collaborazione con Primorski dnevnik e Slofest

regia: Sabrina Morena

Video: Tomaž Scarcia

Slide: Francesco Paolo Cappellotto

Un particolare ringraziamento per la realizzazione dei costumi a Silva Gregorčič

Un particolare ringraziamento per le immagini:Archivio fotografico del Primorski dnevnik- FotoDamj@n e Biblioteca nazionale slovena Sezione storica -foto Magajna

con: Daniel Dan Malalan

Alessandro Mizzi (video)

Boštjan Zavnik: fisarmonica

Teatro Stabile Sloveno, Associazione culturale Spaesati e Glasbena Matica, in collaborazione con Primorski dnevnik e Slofest, sono i coproduttori dello spettacolo dal titolo Come diventare sloveni in 50 minuti che debutterà nell’ambito di Slofest 2015 venerdì 18 settembre alle ore 21.45 in Piazza della Borsa a Trieste.

La lingua, le tradizioni e le abitudini degli sloveni sono diventati materia di uno spettacolo divertente e autoironico, nato su iniziativa della regista Sabrina Morena, autrice di questo e altri progetti teatrali con i quali il Teatro Stabile Sloveno ha costruito ponti di dialogo tra comunità nazionali e linguistiche diverse. In questo caso la regista ha tratto ispirazione dal testo di Laila Wadia Come diventare italiani in 40 minuti. La forma è in entrambi i casi quella dello slide-show, molto diffuso soprattutto in ambito anglosassone: una combinazione di immagini e parole, proiezioni e recitazione dal vivo.

Il progetto originario si è sviluppato come lavoro autoriale d’équipe, al quale hanno contribuito oltre alla regista anche Martina Kafol, Martin Lissiach e Daniel Dan Malalan. Alessandro Mizzi partecipa allo spettacolo come attore ospite nei video e ha contribuito alla genesi del progetto con la sua vena umoristica e l’esperienza cabarettistica. La colonna sonora dal vivo è a cura del fisarmonicista Boštjan Zavnik.

Gli spettatori impareranno quali siano le feste, le tradizioni e le istituzioni di fondamentale importanza per la comunità slovena nella nostra regione, ma anche il corretto utilizzo e pronuncia di alcune parole, per evitare imbarazzanti o comici equivoci. Il riadattamento spiritoso e attualizzato di miti sloveni, diversi vademecum per il corretto utilizzo di osmize e centri commerciali sloveni, consigli per una maggiore comprensione reciproca in situazioni quotidiane, non da ultimo anche spunti grammaticali, sono soltanto alcuni capitoli nella ricca serie di scene nelle quali lo spettatore locale riconoscerà facilmente situazioni quotidiane, divertendosi quindi ancora di più. Lo spettacolo sarà l’occasione anche per un incontro con l’anima più artistica e letteraria degli sloveni del litorale; il testo comprende infatti brani di poesie di Kosovel, Košuta e Gruden, come anche musiche d’autore. Le molteplici capacità del protagonista hanno permesso infatti di creare uno spettacolo che comprende recitazione e numeri di canto.

Come diventare sloveni in 50 minuti è dedicato a tutti quelli che vogliono conoscere la cultura slovena e agli Sloveni delle varie latitudini che vogliono ridere di se stessi. Per questo parla sia degli sloveni in Italia che di quelli d’oltreconfine, anche perchè le peculiarità degli uni o degli altri sono molto specifiche.

Di questo piacevolissimo lavoro in un gruppo particolarmente affiatato e divertito, la regista ha detto: »Tutti i coautori sono persone che sono nate e vivono in questo territorio e conoscono molto bene la prospettiva bilingue. Ci siamo divertiti con stereotipi, equivoci, sempre nel segno di un confronto positivo tra due culture

La realizzazione dei video è a cura di Tomaž Scarcia, le slide sono firmate da Francesco Paolo Cappellotto, Silva Gregorčič ha invece realizzato i costumi. Le immagini sono tratte dall’Archivio fotografico del Primorski dnevnik- FotoDamj@n e dalla collezione della Biblioteca nazionale slovena Sezione storica -foto Magajna.

Lo spettacolo è bilingue e quindi fruibile da tutti senza bisogno di sovratitoli. Dopo lo Slofest questa divertente »lezione« teatrale di lingua e cultura slovena andrà in tournée regionale.

LE REPLICHE IN NOVEMBRE… 

19. 11, ore 20.30 – Gorizia (Kulturni dom) 
rassegna Altre espressività – Provincia di Gorizia

20.11, ore 20.30 – Aurisina (Kulturni dom Igo Gruden) 
Associazione culturale »Igo Gruden«

22.11, ore 17.00 – Prosecco (Kulturni dom) 
Cooperativa Kulturni dom Prosek-Kontovel

26.11, ore 20.00 –Muggia (Sala Roma) 
Associazione culturale Kiljan Ferluga

30.11, ore 20.00- Sottolongera (Casa del popolo G.Canciani) 
Circolo Cultura Popolare “STELLA

…E DICEMBRE:

10.12 ore 20.00 –Santa Croce (Kulturni dom A. Sirka) 
Associazione culturale Vesna

11.12, ore 20.00 – Bagnoli della Rosandra (Sala dell’associazione culturale ospitante) 
Associazione culturale F. Prešeren   

 

Share
Previous Topic:
Next Topic:

Nella stessa categoria

Trieste Science+Fiction Festival, 19° edizione
Trieste Science+Fiction Festival, 19° edizione

19° edizione | Trieste, 29 ottobre – 3 novembre 2019 UN POSTER TRA SOGNO E UTOPIA REALIZZATO DALL’ILLUSTRATORE [Read More]

Concerto all’alba con Remo Anzovino in Villa Manin
Concerto all’alba con Remo Anzovino in Villa Manin

C’è un momento in ciascuna alba in cui la luce è come sospesa:  un istante magico dove tutto può succedere. [Read More]

La Biennale di Venezia58
La Biennale di Venezia58

Scegliere Venezia scegliendo La Biennale. Questa volta i giorni sono aumentati e la prospettiva futura sarà ancora [Read More]

Lost Souls di Loreena McKennitt a Folkest 2019
Lost Souls di Loreena McKennitt a Folkest 2019

LOREENA McKENNITT LOST SOULS SEI LE TAPPE ITALIANE: OLTRE A MILANO, ROMA, BARI, FIRENZE E MACERATA ANCHE IL CASTELLO DI [Read More]

Festival Jazz all’Arco di Riccardo
Festival Jazz all’Arco di Riccardo

“Festival Jazz all’Arco di Riccardo”. Prosegue la rassegna estiva musicale a ingresso libero in programma [Read More]