Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Friday March 22nd 2019

Pages

Insider

Archives

Connessione trascendentale di Nina Vlados 🗓 🗺

CONNESSIONE TRASCENDENTALE di NINA VLADOS: MARTEDÌ 24 LUGLIO 2018 ALLA SALA COMUNALE D’ARTE DI TRIESTE INAUGURAZIONE DELLA PERSONALE DELL’ARTISTA RUSSA

Dionis, 2004 – tecnica mista – cm 63×52, foto fornita da Marianna Accerboni

S’inaugura martedì 24 luglio 2018 alle 19 alla Sala Comunale d’Arte di Trieste (piazza Unità d’Italia 4), la mostra “Connessione trascendentale” dell’artista di origine russa Nina Vlados, che sarà introdotta dall’arch. Marianna Accerboni. In mostra oltre una ventina di opere realizzate dal 2001 a oggi, tra cui disegni, dipinti, acquerelli e le preziose porcellane realizzate di recente.

Un cromatismo morbido ma intenso e un segno incisivo e nel contempo delicato, tendenzialmente curvilineo – scrive Accerboni – contraddistinguono il messaggio artistico-esoterico di Nina Vlados, pittrice, scultrice e pranoterapeuta di origine russa, attiva da tre anni in Italia.
E’ questa una rassegna dal linguaggio soave e sottilmente onirico, che sgorga direttamente dall’energia creativa dell’autrice, rasserenante come un flusso benefico. Un’arte popolata di sguardi, allusioni, voci interiori, che Nina crea naturalmente, così come le sue poesie e le sue composizioni musicali, senza aver mai fatto studi specifici. In mostra compaiono i lavori realizzati dal 2001 a oggi: disegni a matita su carta, acrilici su tela e su carta, acquarelli, pastelli su carta Cashmere e le porcellane realizzate nell’ultimo anno e mezzo, pazientemente composte con pigmenti colorati, inseriti, elemento per elemento, nel materiale fine China bons, noto per i suoi elevati livelli di resistenza, di colore bianco e traslucenza. Oggetti quest’ultimi, dal soffio poetico, realizzati mediante la tecnica di origine giapponese nerikomi (da neri, che significa mescolare miscele di colori diversi, e komi, che allude all’atto di schiacciare la materia dentro una forma o uno stampo), in cui s’intravvede la memoria di certa iconografia russa legata all’antica tradizione teatrale di quel paese, a partire dal popolare balagan del XVIII e XIX secolo.
Un immaginario – conclude Accerboni – che ci parla di positività e di altri mondi, attraverso un’arte di natura organica, intimamente legata alla natura, di cui Nina si fa tramite attraverso la sua arte sottilmente intessuta di armonia e latrice di serenità, che va al di là del visibile e c’induce alla meditazione.

Nina Vlados è nata a Soči sul Mar Nero, in Russia. Nel ’92 si trasferisce in Slovenia, dov’è vissuta a Raune, e da qui approda a Trieste, porta d’Oriente, dove la sua raffinata pittura riscuote consenso: fatto che la induce a presentare pubblicamente la propria personale interpretazione di un mondo ideale, iperboreo e quindi felice, intriso di luce, in cui affiorano volti e altri dettagli organici, che alludono al denso rapporto esistente tra uomo, arte e natura.
Nina costruisce un universo e invia un messaggio dagli echi idilliaci, misteriosi e allusivi, estremamente positivo poiché in essi suggerisce che l’uomo può sempre evolversi e migliorare, riconoscendo in se stesso e sviluppando capacità e inclinazioni sempre nuove e più ampie: un messaggio dunque di amore, fiducia e speranza, che l’artista afferma di recepire dall’alto. La pittura e la scrittura per la musica sono in Nina due aspetti biunivoci, in perfetta simbiosi con la sua prima vocazione e attività che è quella di curare le persone attraverso la pranoterapia, pratica per la quale è stata insignita, unica in Europa, del certificato d’oro dall’Istituto di Bioelettromagnetica e Nuova Biologia “Bion” di Lubiana.
Frequente è infine, anche nei suoi scritti, la menzione dell’Iperboreo, spazi incantati che la tradizione e la cultura greca delle origini situavano in un Nord estremo, allora sconosciuto. Un paese perfetto, intriso di luce intensa, che ai tempi della Grecia antica fu collocato, tra le varie ipotesi, nella regione delle “ombrose sorgenti” del fiume Istro, oggi Danubio, che alla fine del suo corso si getta nel Mar Nero, dov’è nata Nina. Sempre vicino all’acqua, portatrice di vita e di energia, la cui densità lei riesce a implementare anche a distanza, con il pensiero, come risulta da un ulteriore attestato dello stesso Istituto “Bion” di Lubiana. Un’energia e un sottile dinamismo, cui allude, come una trama sottesa, anche il sobrio ed elegante vortice presente nelle opere dell’artista.

DOVE: Sala Comunale d’Arte · piazza Unità d’Italia, 4 · Trieste
QUANDO: 24 luglio · 9 agosto 2018
ORARIO: tutti i giorni ore 10 · 13 e 17 · 20
A CURA DI: Marianna Accerboni
CATALOGO: no
INFO: +39 335 6750946 · +38 631287898​

Share
from to
Arte e spettacolo
Piazza Unità d'Italia, Città Nuova-Barriera Nuova-San Vito-Città Vecchia, Trieste, UTI Giuliana, Friuli Venezia Giulia, Italia Mappa

Nella stessa categoria

Mi e lab 20 e 21 marzo al Teatro Miela
Mi e lab 20 e 21 marzo al Teatro Miela

Mi e lab 20 e 21 marzo al Teatro Miela [Read More]

Le quattro stagioni
Le quattro stagioni

“Giovedì 21 marzo alle 20.30, ritornano al Politeama Rossetti gli Arearea: presentano per la prima volta in [Read More]

Dal Silenzio del Tempo
Dal Silenzio del Tempo

Alessandra Sagelli Wunderkammer Sala delle Colonne, Torre del Lloyd, TRIESTE giovedì 21 marzo, ore 20:30 [Read More]

Poesia ad Espansioni
Poesia ad Espansioni

GIOVEDI' 21 marzo dalle 18.30 alle 20 nella GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA saremo al TEA ROOM a Trieste per un reading [Read More]

Il lupo, i porcellini e gli stivali del gatto
Il lupo, i porcellini e gli stivali del gatto

Il lupo, i porcellini e gli stivali del gatto Domenica 24 marzo alle 11 rassegna Ti racconto una fiaba della [Read More]