Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Tuesday July 23rd 2019

Pages

Insider

Archives

Contro la discriminazione dei rom

Il 19 novembre Open Society Justice Initiative ha notificato alla Commissione Europea un memorandum redatto in collaborazione con alcune ONG italiane, in cui si sollecita la Commissione a verificare la compatibilità col diritto dell’Unione Europea delle misure di emergenza che, dal giugno 2008, colpiscono rom e sinti in Italia. Il memorandum documenta infatti come il “Decreto emergenza nomadi” abbia istituzionalizzato le discriminazioni nei confronti dei rom, violando tra l’altro il loro diritto alla protezione dei dati personali e alla libertà di movimento e producendo numerosi effetti collaterali quali sfratti e discontinuità scolastica.

Per evitare ulteriori discriminazioni, OSJI sollecita la Commissione Europea a dichiarare chiaramente che le misure italiane riguardanti i rom violano il diritto dell’Unione Europea. La Commissione dovrebbe inoltre considerare l’avvio di procedure di infrazione contro l’Italia.

Oltre all’iniziativa di livello europeo, giovedì 25 novembre andrà a udienza presso il Tribunale Civile di Milano un procedimento antidiscriminazione riguardante ancora il “decreto emergenza nomadi”, “Omerovic e altri c. Italia”. L’Open Society Justice Initiative è intervenuta a sostegno dei ricorrenti e degli avvocati locali chiedendo al giudice italiano un rinvio alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea in base agli argomenti giuridici invocati nel memorandum.

Per oltre due anni, le comunità rom e sinti sono state stigmatizzate dalle autorità italiane, violando il loro diritto alla protezione dei dati personali, alla parità di trattamento e alla libertà di movimento. Il decreto emergenza nomadi ha infatti condotto a un censimento di tutte le comunità rom e alla creazione di varie banche dati etniche nelle regioni “colpite dall’emergenza nomadi”. Durante l’emergenza, la stigmatizzazione della comunità rom, i controlli di polizia e gli sfratti improvvisi sono aumentati notevolmente, raggiungendo i 209 nella sola città di Milano per il solo 2010. Un recente disegno di legge del governo, inoltre, è stato espressamente concepito per facilitare le espulsioni dei rom dall’Italia, espulsioni già effettuate sotto forma di “contratti di rimpatrio” da alcuni comuni come Pisa, in Toscana.

Il memorandum per la Commissione presenta le prove di come centinaia di rom siano stati schedati in un’apposita banca dati e quindi perseguiti o sfrattati, e in alcuni casi anche rimpatriati. Molti dei loro figli non hanno potuto andare a scuola a causa dello “stato di emergenza” e dei conseguenti frequenti sfratti.

Gli argomenti sollevati da Justice Initiative si concentrano sul modo in cui la raccolta di dati personali sensibili dei soli rom e sinti durante il censimento ponga l’Italia in violazione della direttiva comunitaria sulla protezione dei dati personali (95/46/EC). Il coinvolgimento intimidatorio e illegale della polizia e di militari e la partecipazione forzata al censimento ignorano i diritti fondamentali del rispetto della vita privata e domestica. L’attuazione del decreto di emergenza individua nei rom e sinti una minoranza etnica pericolosa traducendosi in una palese discriminazione che oltretutto ha dato luogo a veri e propri trattamenti degradanti. I contratti di rimpatrio destinati ai soli rom rumeni, infine, violano sia le norme contro la discriminazione sia i principi di libertà di movimento.

Dettagli sul caso Omerovic e sul memorandum inviato alla Commissione Europea sono disponibili online.

Per ulteriori informazioni o una versione italiana del memorandum:

Costanza Hermanin: +39-392-4807212 or chermanin@justiceinitiative.org.

Share

Nella stessa categoria

Indubbiamente Meravigliosa
Indubbiamente Meravigliosa

TEATRO STABILE SLOVENO – TRIESTESTAGIONE 2019/2020 INDUBBIAMENTE MERAVIGLIOSA Dee ed eroine del quotidiano, donne [Read More]

Conclusione Corsi gratuiti di italiano per stranieri Anno Scolastico 2018 – 2019
Conclusione Corsi gratuiti di italiano per stranieri Anno Scolastico 2018 – 2019

Giovedì 30 maggio, alla presenza dell’Assessore alla Cultura Giorgio Rossi, si sono conclusi i corsi gratuiti di