Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Tuesday July 23rd 2019

Pages

Insider

Archives

Guida agli Acquisti parte 2/2

– In Africa non comperiamo oggetti e souvenir d’avorio. E neppure in corno di rinoceronte nero. L’80% di tutto l’avorio proviene da elefanti uccisi illegalmente. E il rinoceronte nero é a rischio di estinzione.

– In Sud America, ma anche in Turchia, Grecia e Spagna, non compriamo oggetti in tartaruga. Questi animali marini o di fiume sono a serio rischio di estinzione.

– Nei paesi orientali non acquistiamo farfalle sotto vetro. Molte specie si stanno estinguendo.

– In Brasile non acquistiamo pappagalli, soprattutto la specie Ara spix. Sono uccelli in via di estinzione e vittime di un vasto traffico illegale.

– In Indocina e Sud America non acquistiamo oggetti in coccodrillo. E non importiamo da questi paesi rettili vivi. Sono specie protette sempre più rare. E i 58 mila italiani che tengono in casa questi rettili lo fanno illegalmente.

– Non acquistiamo oggetti in pelle di serpente. Questi rettili si nutrono anche di topi che stanno diventando sempre più numerosi e difficili da eliminare.

– Non portiamo in Italia scimmiette, roditori, e in genere animaletti esotici. Turbano l’ecosistema. Come é accaduto in Lazio, Piemonte e Lombardia dove un piccolo roditore come la nutria ha proliferato a dismisura, turbando la fauna locale e provocando seri problemi sia per la sua aggressività sia per i notevoli escrementi prodotti.

– Non acquistiamo più tartarughine americane. Una volta cresciute diventano ingombranti. E chi se ne sbarazza lasciandole nei fiumi di casa nostra mette in pericolo la sopravvivenza di rane, rospi e tritoni delle cui uova si nutrono.

– Limitiamo il più possibile il consumo di tonno. Giapponesi e norvegesi, che sono tra i maggiori pescatori di tonno al mondo, utilizzano grandi reti nelle quali vanno a impigliarsi anche i delfini, che alla fine vengono uccisi.

– Evitiamo di acquistare prodotti confezionati nel polistirolo. Al momento non é riciclabile. Resta nelle discariche per 5 secoli, ma solitamente finisce in mare facendo morire piccoli animali, come le tartarughine, che lo scambiano per cibo.

Ketty Coslovich

Share

Nella stessa categoria

Bioest 2016
Bioest 2016

Torna per il 23esimo anno Bioest, la tradizionale Fiera dei prodotti naturali e delle Associazioni ambientaliste, [Read More]

Doggy Bag? Si grazie!
Doggy Bag? Si grazie!

Istituzione del Doggy Bag nei ristoranti di Trieste. Approvata sotto forma di raccomandazione la mozione presentata dal [Read More]

Ferriera di Servola: Manifestazione cittadina
Ferriera di Servola: Manifestazione cittadina

Domenica 31 gennaio 2016 alle ore 15 manifestazione cittadina sul tema della Ferriera di Servola. [Read More]

UNIVILLAGE 2015 “VIAGGIO: Confini, Mobilità, Culture”
UNIVILLAGE 2015 “VIAGGIO: Confini, Mobilità, Culture”

Ritorna il Festival degli studenti all’Università di Trieste, con
 incontri, dibattiti, workshop, teatro, DJ-set e [Read More]

3ª Rampigada Santa
3ª Rampigada Santa

Torna la crono-scalata di Scala Santa per dimostrare a tutti che se si può andare su di là a piedi o in bicicletta, [Read More]