Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Sunday December 16th 2018

Pages

Insider

Archives

Festival invernale di Lubiana

UN FEBBRAIO ALL’INSEGNA DELLA MUSICA

Elvira, foto fornita da Ilaria Lucari per Festival Lubiana

A febbraio il Festival di Lubiana organizzerà la terza edizione del Festival invernale. Tra il 2 e il 6 febbraio 2019 presso il Grand hotel Union e la Filarmonica slovena si esibiranno musicisti di fama mondiale. Per il concerto inaugurale saliranno sul palco la giovane soprano israeliana Rinnat Moriah e il celebre attore sloveno Boris Cavazza, accompagnati dall’Orchestra della Filarmonica slovena. La seconda serata di concerti sarà dedicala alle arie romantiche senza tempo. Come solisti ci saranno la soprano Elvira Hasanagić, la mezzosoprano Monika Bohinec e il tenore José Cura, che in questa occasione assumerà anche il ruolo di direttore dell’orchestra. La serata finale sarà apprezzata sia dagli amanti della musica classica che dagli appassionati di musica pop: sul palco infatti salirà il gruppo a cappella The Queen’s Six, che insaporisce volentieri i propri spettacoli con un pizzico di umorismo. I biglietti a prezzi di prevendita per il 3o Festival invernale sono disponibili fino all’8 dicembre 2018. Approfittate dell’eccellente offerta musicale del Festival di Lubiana anche nei mesi invernali!

Per inaugurare il Festival invernale e concludere il festival filarmonico V novo leto z novo glasbo, il Festival di Lubiana e la Filarmonica slovena organizzeranno un concerto intitolato Tišina, prosim! ovvero Silenzio, prego! Sul palco della Filarmonica saranno eseguite per la prima volta alcune opere leggendarie del Novecento composte da Strauss, Zimmermann, Xenakis e Ligeti. A condurre l’orchestra sarà Gregor Mayrhofer, che è stato assistente di Simon Rattle, per lungo tempo direttore dei Berliner Philharmoniker. L’interessante e originale programma sarà completato da due noti interpreti. Con la Musique pour les soupers du roi Ubu di Zimmermann si esibirà l’attore teatrale e cinematografico, regista e sceneggiatore sloveno Boris Cavazza, vincitore di più premi dell’annuale Rassegna del teatro sloveno Borštnik e del premio della Fondazione Prešeren, il più prestigioso premio nazionale in campo artistico. La seconda esibizione solistica spetterà alla talentuosa giovane soprano israeliana Rinnat Moriah, che interpreterà l’aria di Zerbinetta dell’opera Arianna a Nasso e Mysteries of the Macabre di Ligeti. La cantante ha fatto il suo debutto alla Scala di Milano, collaborando inoltre con l’Orchestra reale del Concertgebouw di Amsterdam e partecipando alla stagione BBC Proms a Londra sotto la direzione del maestro Daniel Barenboim. La Filarmonica slovena ospiterà quindi una serata davvero speciale di teatro, poesia e musica.

(2 febbraio alle 19:00, Sala Marjan Kozina, Filarmonica slovena)

Accompagnato dall’Orchestra sinfonica SNG Maribor, diretta da Simon Krečič, il 4 febbraio salirà sul palco il pluripremiato tenore argentino José Cura, conosciuto per le ottime esecuzioni e interpretazioni dei personaggi del teatro lirico, in particolare dei protagonisti delle opere di Verdi. È famoso per il suo tenore espressivo e deciso, in cui si riflettono le tonalità di un baritono scuro. Dice di non scegliere mai ruoli che non sono credibili e che non si possono collegare agli eventi quotidiani. Gli piacciono i personaggi che conoscono ansie e passioni e non sono privi di difetti. Finiti gli studi di composizione e direzione d’orchestra nella città nativa di Rosario, l’artista si è trasferito a Buenos Aires, affinando le due doti di cantante al Teatro Colón. Nel 2007 ha debuttato come regista e scenografo nello spettacolo La Commedia è finita, ispirato all’opera I pagliacci di Leoncavallo. Nel 2015 è diventato l’artista residente dell’Orchestra filarmonica di Praga e lo stesso anno ha ricevuto in Argentina il Premio Sarmiento per il suo lavoro nel campo della cultura. Ad accompagnarlo sul palco saranno altre due soliste di fama mondiale. La prima è una delle migliori soprano in Slovenia ed Europa, Elvira Hasanagić, vincitrice di numerosi premi in concorsi internazionali. Nel 2017 la città di Dresda, insieme all’associazione tedesca per il supporto dei cantanti lirici, le ha conferito il titolo Giovane artista 2017. Fin dai suoi primi esordi professionali, è considerata da critici ed esperti una delle voci liriche più promettenti. La seconda è invece l’eccellente mezzosoprano slovena, Monika Bohinec, solista della Wiener Staatsoper, che si è esibita sui palchi dei grandi teatri di tutto il mondo, quali il Musikverein e la Konzerthaus di Vienna, la Royal Albert Hall di Londra, la Carnegie Hall di New York, la Salle Pleyel di Parigi, la Concertgebouw di Amsterdam, la Philharmonie Gasteig di Monaco di Baviera e molti altri.

(4 febbraio alle 19:00, Sala Union, Grand hotel Union)

Il 6 febbraio potremo assistere a uno spettacolo vocale di sei voci maschili. Il gruppo The Queen’s Six si è formato nel 2008 in occasione del 450o anniversario dell’ascesa al trono della regina Elisabetta I, dalla quale prendono anche il nome. Presto hanno avuto il privilegio di esibirsi al cospetto della regina Elisabetta II e di suo marito, il principe Filippo. Con la loro singolare espressione artistica, Daniel Brittain e Tim Carleston (controtenori), Nick Madden e Dominic Bland (tenori), Andrew Thompson (baritono) e Simon Whiteley (basso) si rivolgono a un ampio pubblico di ascoltatori. Il loro repertorio supera i limiti della musica corale classica, spaziando dai primi canti liturgici, alla polifonia rinascimentale, ai madrigali, fino ai canti popolari e alla musica leggera jazz e pop. Individualmente i membri del gruppo collaborano con vari complessi musicali, quali Tenebrae, Polyphony, The BBC Singers, The Cardinall’s Musick, Colegium Vocale Gent, The Gabrieli Consort, EXAUDI, The King’s Consort, The Tallis Scholars e The Sixteen, esibendosi sui palchi più prestigiosi del mondo. I cantanti insaporiscono volentieri il loro variegato programma con un pizzico di umorismo, trasformando i loro spettacoli in un’esperienza musicale irripetibile.

(6 febbraio alle 19:00, Sala Union, Grand hotel Union)

I biglietti a prezzi di prevendita per il 3o Festival invernale sono disponibili fino all’8 dicembre 2018.

Share

Nella stessa categoria

Remo Anzovino incanta Londra
Remo Anzovino incanta Londra

REMO ANZOVINO GRANDE SUCCESSO IERI SERA ALLA PURCELL ROOM (LONDON SOUTHBANK CENTRE) PER LA PRIMA ASSOLUTA NELLA [Read More]

S/paesati – Eventi sul tema delle migrazioni XIX
S/paesati – Eventi sul tema delle migrazioni XIX

S/paesati - Eventi sul tema delle migrazioni XIX Mercoledì 7 novembre ore 18.00 al Teatro Miela IN PRIMA [Read More]

Il Conservatorio Tartini di Trieste nell’Olimpo Mondiale di Alta Formazione
Il Conservatorio Tartini di Trieste nell’Olimpo Mondiale di Alta Formazione

IL CONSERVATORIO TARTINI DI TRIESTE NELL'OLIMPO MONDIALE DELLE ISTITUZIONI DI ALTA FORMAZIONE MUSICALE. E' UNA DELLE 5 [Read More]

Italiani dell’Adriatico orientale: un progetto per il futuro
Italiani dell’Adriatico orientale: un progetto per il futuro

Circolo di cultura istro-veneta “Istria” - Trieste CONVEGNO “ITALIANI DELL’ADRIATICO ORIENTALE: UN PROGETTO [Read More]