Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Thursday September 19th 2019

Pages

Insider

Archives

Giustizia parallela

Immagine tratta dal sito newsphera.it

Roma, 11 marzo 2011

La presunta riforma della giustizia approvata dal consiglio dei ministri non esiste. Non esiste, non solo perché sarebbe, semmai, una contro-riforma, ma soprattutto perché rappresenta soltanto uno specchietto per le allodole, un’ennesima illusione berlusconiana che ha l’unico scopo di distrarre gli italiani.

Lo stesso presunto scontro tra governo e magistratura è una vera e propria farsa, perché ciò che risulta evidente, facendo le dovute eccezioni, è la persistenza di un sistema di connivenze tra la politica e la giustizia, come sta a dimostrare la sostanziale impunità dei reati più gravi, perpetrati non solo da Berlusconi ma da molti personaggi di spicco del mondo politico e imprenditoriale.

La proposta di riforma approvata dal governo è un atto di sostanziale continuità con questa tradizione italiana, in cui la “casta” si assicura la propria sopravvivenza. Una casta che non ha mai avuto bisogno di promulgare legge anticostituzionali, come potrebbe apparire questa riforma, ma a cui è stato sempre sufficiente, nel passato come nel presente, semplicemente eludere con maestria la Costituzione.

Anche la maggior parte dell’attuale sedicente opposizione lo sa bene e usufruisce di tali connivenze. Al di là delle dichiarazioni di rito, anche molto infuocate, molti esponenti dell’attuale minoranza parlamentare hanno anch’essi i loro canali preferenziali attraverso i quali si alimentano le suddette connivenze tra politica e giustizia e si guardano bene dal metterle a rischio con proposte di reale riforma della giustizia.

In altre parole, dietro la facciata rappresentata da riforme che non verranno mai approvate e manifestazioni di protesta di politici e magistrati, esiste una quotidianità in cui domina un sistema politico-giudiziario che, mentre esercita senza scrupoli il proprio potere sulla stragrande maggioranza dei cittadini, mantiene in piedi un vero e proprio “stato parallelo” in cui la Costituzione non è mai esistita e mediante il quale viene garantita l’immunità e l’impunità di chi ne fa parte.

Come potrebbe essere spiegata altrimenti l’assoluta inazione nei confronti del problema rappresentato dall’estrema lunghezza della fase istruttoria dei processi e di quella dibattimentale, che genera una situazione di sostanziale ingiustizia e di violazione dei diritti umani, come emerge, tra l’altro, dalle frequenti condanne dell’Italia da parte della Corte internazionale di Strasburgo?

È un problema che dura da decenni eppure è sempre presente, aggravandosi ulteriormente di anno in anno. Non ci vuole molto a capire che l’unica vera riforma dovrebbe prevedere la trasformazione del sistema giudiziario da macchina burocratica in reale servizio al cittadino, con le stesse caratteristiche di efficienza e di parità di condizioni di accesso che connotano i servizi pubblici.

Dov’è tutto questo nella riforma sbandierata da Berlusconi e dal suo ministro-spalla Alfano? Dove sono i reali interessi dei cittadini? Quasi 5 anni per avere una sentenza civile e più di otto per una sentenza penale: di questo dovrebbe occuparsi una politica rivolta verso gli interessi della collettività.

Come dovrebbe occuparsi delle condizioni disumane in cui vivono i detenuti nella maggior parte delle carceri italiane, che hanno assunto sempre più le sembianze di istituti esclusivamente punitivi, anziché, come vorrebbe la Costituzione, di rieducazione e riabilitazione.

È con questo sistema di connivenze tra la politica e la giustizia, di cui usufruisce anche la criminalità organizzata, che alcuni magistrati e politici onesti hanno dovuto fare i conti, sacrificando, in alcuni casi, anche la propria vita.

La proposta di riforma di Berlusconi è figlia di questo sistema, l’ultimo atto di uno scontro tanto falso quanto spettacolare, messo in scena da interpreti di personaggi ben collaudati. Uno spettacolo che andrà avanti, però, solo fino a quando ci saranno spettatori.

E se un giorno il teatro rimanesse vuoto?

Carlo Olivieri

http://www.partitoumanista.it

Share

Nella stessa categoria

Refluxus
Refluxus

Il 21 SETTEMBRE, in occasione della 26ª GIORNATA MONDIALE ALZHEIMER, ci sarà l’INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA [Read More]


Warning: mime_content_type(/freaks/wp-content/uploads/2019/09/caffeÌ-banner-150x150.jpg) [function.mime-content-type]: failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.freaksonline.it/home/freaks/wp-content/themes/antisnews/cropper.php on line 401

Warning: finfo_file(/freaks/wp-content/uploads/2019/09/caffeÌ-banner-150x150.jpg) [function.finfo-file]: failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.freaksonline.it/home/freaks/wp-content/themes/antisnews/cropper.php on line 409
Caffè corretto Scienza
Caffè corretto Scienza

Caffè corretto Scienza Incontri di divulgazione scientifica aperti al pubblico settembre 2019 – gennaio 2020 Caffè [Read More]

Rampigada Santa: due giorni di festa tra Roiano e l’Obelisco
Rampigada Santa: due giorni di festa tra Roiano e l’Obelisco

Torna il 14 e 15 settembre la manifestazione che unisce competizione sportiva, mobilità sostenibile e festa popolare [Read More]

Gusti di Frontiera 2019
Gusti di Frontiera 2019

GUSTI DI FRONTIERA 16^ EDIZIONE  26 ׀ 29 SETTEMBRE 2019 GORIZIA – “Gusti di Frontiera” 2019 si attesta già [Read More]

Ritorna su Rai3 I Nostri Angeli
Ritorna su Rai3 I Nostri Angeli

TRIESTE – Grazie alla sede regionale RAI per il Friuli Venezia Giulia torna sul piccolo schermo “I Nostri [Read More]