I due volti di Margherita al teatro Miela

 
 
 Domenica 21 Lunedì 22 febbraio al –Teatro Miela
 
DUE VOLTI DI MARGHERITA le stelle e i gatti
Dalle ore 18  al teatro Miela MiciAmici lo spettacolo che l’associazione Il Gattile offre al suo pubblico circa a metà febbraio, per festeggiare Sua Maestà il Gatto, grazie alla disponibilità di Bonawentura e dei vari artisti che vi partecipano. Il progetto di quest’anno  i “Due volti di Margherita” è in omaggio alla prof. Hack.

Video – danza – musica – poesia quindi domenica pomeriggio.In video: MARGHERITA HACK , MIRANDA ROTTERI e molti altri…
Partecipano alla serata :Artefatto danza, EOS Arte in movimento ,Associazione Viento Flamenco,I Tergestini,Elke Burul, Stefano Bartoli. Con Zita FUSCO e Susanna HUCKSTEP
Lunedì 22 alle ore 21.00:  La Scienza in Valigia #Scienzacolo: ricordando Margherita Hack.
Guest star della serata BiroRobot

“La Scienza in Valigia” è un progetto scientifico-divulgativo di Marco  Santarelli, Esperto in Analisi delle Reti, Associato di Ricerca per  Enti Internazionali e Direttore Ricerca&Sviluppo di ReS On Network,
collaboratore storico dell’ astrofisica Margherita Hack con cui ha  ideato questo format di divulgazione ed i suoi contenuti.
L’evento vuole, attraverso i suoi brani ed esperimenti, diffondere la cultura scientifica con parole semplici, testimoniando quanto la  ricerca applicata pura possa avere effetti pratici nella vita di  ognuno di noi. Un vero e proprio spettacolo che unisce testi scritti  con la Hack stessa, canzoni composte dal Santarelli e arrangiate con musicisti professionisti.
Trieste ospita la data di Febbraio, esattamente il 22 alle ore 21  presso il Teatro Miela con un evento chiamato “Due Volti di  Margherita” in collaborazione con Il Gattile Onlus del presidente Giorgio Cociani.
Trieste è una città particolarmente cara al progetto e al suo  ideatore, come lo era per l’astrofisica Margherita Hack.
“L’obiettivo  del mio impegno nei confronti della divulgazione scientifica– spiega  il ricercatore Marco Santarelli – è quello di rendere i cittadini  consapevoli delle incredibili possibilità offerte dalla scienza, ma  allo stesso tempo rispettosi e coscienti dei rischi che si possono  nascondere dietro ad un comportamento di noncuranza e superficialità.  La scienza, nonostante le molte eccellenze, ha bisogno di penetrare  maggiormente nella cultura italiana, e di farlo con strumenti nuovi,  uscendo dall’esclusività delle stanze accademiche e dei laboratori e  trovando canali innovativi ed appetibili quali l’arte, il teatro, la musica”.

Il progetto parte da lontano, da quando Margherita Hack, con la quale Santarelli è stato co-autore, era ancora in vita. Iniziato prima come cartone animato, si è poi sviluppato con diverse modalità. A tessere le fila dello spettacolo un dialogo tra Valentina De Iuliis, la voce narrante che personifica La Scienza, e Marco Santarelli.
Il tutto è nato da incontri-dialogo nelle piazze con giovani e adulti , la Scienza, nonostante le molte eccellenze, ha bisogno di penetrare maggiormente nella cultura abbiamo bisogno di innovazione e di cultura alla portata di tutti.
Abbiamo anche bisogno di parlare in modo semplice di cose difficili.

“Lo spettacolo si configura come uno show coinvolgente e trasversale che, in maniera innovativa e concreta, declina tutte le possibili connotazioni del concetto di energia, attraverso esperimenti, dissertazioni scientifiche, musica, la partecipazione di artisti, educatori ambientali e ricercatori. Punto di partenza è il concetto di rete. La rete è Internet, ma è anche unione delle persone, incrocio di strade e autostrade, creatività e sviluppo. La rete è soprattutto energia e social network, ma anche quel filo che lega le scoperte scientifiche nel tempo”.(Ansa)

Info: www.miela.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.