Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Wednesday October 17th 2018

Pages

Insider

Archives

Il premio a Vlado Škafar al festival I MILLE OCCHI

I mille occhi
Festival internazionale del cinema e delle arti
XV edizione: Eternal Breasts
Trieste, Teatro Miela, 16-22 settembre 2016

mercoledì 21 settembre

Premio Anno uno a un cineasta del nostro tempo.
To Be: Vlado Škafar

a cura di Mila Lazić, con la collaborazione di Slovenski filmski center e Transmedia
Teatro Miela
ore 9.15
Stari most (1998)
Peterka: leto odločitve (2003)
ore 18
Deklica in drevo (2013)
(presenti Štefka Drolc, Ivanka Mežan, Boris Pahor, e Vlado Škafar)
Modera Marko Sosič

vlado skafar e stefka drolc in deklica in drevo.jpg

giovedì 22 settembre
Caffè Verdi
ore 12
incontro con Vlado Škafar
con Joni Zakonjšek, Mila Lazic´, Sergio M. Grmek Germani,
Olaf Moller, Roberto Turigliatto, Gary Vanisian
Teatro Miela
ore 20.45
Consegna premio Anno uno a Vlado Škafar
Nočni pogovori z Mojco (2009)
Mama (2016) anteprima italiana
presenti: Joni Zakonjšek e Vlado Škafar
e il produttore Igor Prinčič

Collaborazioni: Slovensko Stalno Gledališče, Trieste – Consolato Generale della Repubblica Slovenia a Trieste- Kinodvor, Ljubljana
Slovenski filmski center, Ljubljana- Gustav Film, Ljubljana- Kinoatelje, Gorizia- Transmedia, Gorizia- Slovenski klub Trst-Film parlato, rivista di cinema-Zavod EN-KNAP, Ljubljana      
1454663886959_0570x0400_1454663901543.jpg

E ANCORA…
16 > 22 settembre 2016
Teatro Miela, Piazza L.A. Duchi d’Aosta 3, Trieste
Se še spominjaš ljubezni?
di Joni Zakonjšek
a cura di Mila Lazić e Massimo Premuda
in collaborazione con il Consolato Generale della Repubblica di Slovenia a Trieste
e Teatro Miela – Coop. Bonawentura
nell’ambito del festival I Mille Occhi – XV edizione
organizzato dall’associazione Anno uno
con l’adesione della Casa dell’Arte Trieste

Se še spominjaš ljubezni? [Ricordi ancora l’amore?]
Koštabona, primavera 2007 – Velika sela, estate 2010
Attimo dopo attimo su tela
190 x 278 cm

Il cinema presentato a I Mille Occhi s’intreccia nel modo più ampio alle altre arti – dalla poesia alla pittura, dalla fotografia alla musica – e l’esordio a Trieste di Joni Zakonjšek le unisce tutte e va oltre.
Il quadro esposto rappresenta il mare, e la relazione con il mare per l’autrice è intima, perché lo conosce molto bene e lo ama profondamente. Il fondale marino di Se še spominjaš ljubezni? è pieno di particolari colorati e vivi, ma il mare è scuro, misterioso.
Le dolci onde che lo scuotono gli donano vita al di fuori dalla tela. Potrebbe essere la risposta desiderata dalla madre del film Mama di Vlado Škafar (Premio Anno uno 2016), che chiama il mare e cerca di animarlo solo con la melodiosità della propria voce e del proprio respiro. Il mare di Vlado Škafar, sfumato nelle dissolvenze, si fonde con l’orizzonte, con l’infinito, pulsa in perfetta sintonia con la vitalità del mare di Joni
Zakonjšek e insieme, con tatto raffinato, si lasciano andare all’abbandono verso l’amore puro e purificatore.  

17 settembre > 28 ottobre 2016
DoubleRoom arti visive, via Canova 9, Trieste
Haiku circolari
opere su carta di Joni Zakonjšek
video haiku di Vlado Škafar
a cura di Mila Lazić e Massimo Premuda
in collaborazione con Jaruška Majovski
nell’ambito del festival I Mille occhi XV edizione
organizzato dall’associazione Anno uno
con l’adesione della Casa dell’Arte Trieste

Sabato 17 settembre alle ore 18.30, al DoubleRoom arti visive è stata inaugurata “Haiku circolari”, una doppia personale dedicata alle recenti ricerche visive di due autori sloveni; la pittrice Joni Zakonjšek e il regista cinematografico Vlado Škafar.
Vlado Škafar, a cui verrà assegnato il Premio Anno uno 2016, presenta otto “video haiku” tratti dalle suggestioni visive del recente film Mama (2016), girato lo scorso anno fra la Slovenia e l’Italia. Gli otto brevi video, in bilico fra cinema e videoarte, sono parte del coerente sodalizio artistico e spirituale con la pittrice Joni Zakonjšek, che presenta una quarantina di delicati acquerelli su carta che, del noto componimento
poetico giapponese, conservano l’estrema essenzialità, racchiusa nei classici tre versi, e l’attenzione per una puntuale descrizione della natura e degli accadimenti umani direttamente collegati a essa.
I due autori sloveni, compagni nella vita e nell’arte, hanno già lavorato insieme su questo tema dando alle stampe nel 2015 il prezioso libro d’artista Krogi (Cerchi), una raffinata pubblicazione in sloveno, giapponese e inglese, in cui ai 40 haiku scritti del regista corrispondono altrettante opere su carta della pittrice divise seguendo il ciclo naturale delle stagioni.
Joni Zakonjšek (Koper, 1974) si è formata a Londra, seguendo il Foundation Course of Art alla White Chapel Art School, e a Ljubljana, presso l’Accademia di Belle Arti, dove nel 2003 si è laureata con i professori Emerik Bernard e Marko Uršič. Dal 2004 lavora come artista indipendente esponendo in spazi pubblici e privati in Slovenia e all’estero. Vive e lavora a Bela Krajina.
Oltre che in Slovenia, ha allestito mostre personali anche in Italia e Croazia, ed è stata invitata a esporre all’estero in diverse mostre collettive in Austria, Cina, Italia, Serbia, Croazia e Turchia. Ha vinto diversi premi, fra cui ricordiamo il premio per meriti artistici dell’Accademia di Belle Arti di Ljubljana, due premi all’Ex-Tempore di Pirano, e la selezione a partecipare alla 3° Biennale Internazionale di Pittura di Pechino, Cina.
Vlado Škafar (Murska Sobota, 1969) è un regista e sceneggiatore, co-fondatore della Cineteca Slovena e suo direttore fino al 1999, l’anno in cui pone le basi del Festival internazionale Kino Otok. Con il film Mama (Mamma, 2016), conclude la trilogia sul tema dei rapporti familiari che include i film Otroci (Bambini, 2008) e Oča (Papà, 2010), ma anche la sua attività cinematografica, per dedicarsi esclusivamente alla letteratura.
Dalla sua filmografia ricordiamo inoltre Stari most (Il vecchio ponte, cm, 1998), Peterka – Leto odločitve (Peterka: l’anno decisivo, 2003), Pod njihovo kožo (Sotto la loro pelle, mm, 2006), Nočni pogovori z Mojco (Conversazioni notturne con Mojca, mm, 2009) e Deklica in drevo (La ragazza e l’albero, 2013).

DoubleRoom arti visive
via Canova 9, 34129 Trieste
lunedì > venerdì 17-19
349 1642362 – doubleroomtrieste@gmail.com
http://doubleroomtrieste

Share

Nella stessa categoria

Goran Bregovic ritorna a Trieste
Goran Bregovic ritorna a Trieste

VignaPR e il Politeama Rossetti – Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia presentano GORAN BREGOVIC “THREE [Read More]

Alpheus & Arethusa
Alpheus & Arethusa

AL DANCEPROJECT FESTIVAL LA PRIMA NAZIONALE DELLA COMPAGNIA FRANCESE "CADMIUM": VENERDì 19 OTTOBRE AL TEATRO STABILE [Read More]

Basabanchi Rèpete
Basabanchi Rèpete

Primo spettacolo in abbonamento della nuova Stagione di Prosa, Basabanchi Rèpete debutta venerdì 19 ottobre alle [Read More]

Analisi della Saga di Star Wars
Analisi della Saga di Star Wars

Mercoledì 17 ottobre 2018 alle ore 18 nella sede della scuola del fumetto Grafite, via Felice Venezian 30, [Read More]

Analisi della Saga di Star Wars
Analisi della Saga di Star Wars

Mercoledì 17 ottobre 2018 alle ore 18 nella sede della scuola del fumetto Grafite, via Felice Venezian 30, [Read More]