La Camera Azzurra 🗓 🗺

Georges Joseph Christian Simenon è stato uno scrittore belga di lingua francese, noto per avere inventato la figura del commissario di polizia francese Jules Maigret, ma autore di molti romanzi polizieschi. La camera azzurra è un suo romanzo del 1963 che per la prima volta arriva a teatro sotto la regia di regia Serena Sinigaglia con l’adattamento di Letizia Russo.

Si narra la storia di due amanti, Tony e Andrée, ex compagni d’infanzia che si ritrovano da sposati e tra i quali scatta una passione irrefrenabile.

Fabio Troiano e Irene Ferri interpretano i protagonisti, mentre Giulia Maulucci e Mattia Fabris vestono rispettivamente il ruolo della moglie tradita e del giudice che li processa. O almeno così sembra.

Lo spettacolo avvince e per quanto scabroso possa essere il testo, non risulta mai volgare. La scenografia di Maria Spazzi è deliziosa e artisticamente innovativa, rivestendo un ruolo da protagonista essa stessa, quasi fosse un’installazione posta alla Biennale. Anche il disegno luci di Alessandro Verrazzi, così come i costumi di Erika Carretta e le musiche di Sandra Zoccolan, sono veramente parte integrante dello spettacolo e degni di ammirazione.

Il tema è un clichè, ma il racconto e la rappresentazione tiene con il fiato sospeso il pubblico fino alla fine dove si svela un colpo di scena che lascia tutti a bocca aperta. Ecco che tutto viene compreso meglio, nella scelta del copione e della sua interpretazione.

Uno spettacolo meritevole, che ci riporta pienamente negli anni sessanta, e che rimane in scena ancora fino al 13 novembre al Teatro Orazio Bobbio di Trieste

Laura Poretti Rizman

Visti da vicino
Stagione di Prosa della Contrada 2019/2020

“La Camera Azzurra”  per la regia di Serena Sinigaglia 

Con Fabio Troiano e Irene Ferri

Arriva a Trieste per il secondo appuntamento del cartellone La Contrada venerdì 8 novembre alle 20.30 al Teatro Bobbio lo spettacolo “La camera azzurra” dalla penna di Georges Simenon e la regia della pluripremiata Serena Sinigaglia, interpretato da Fabio Troiano, attore popolare e sensibile di cinema e tv, e la giovane Irene Ferri affiancati da Giulia Maulucci e Mattia Fabris.

Si tratta della prima trasposizione teatrale dell’omonimo romanzo erotico noir, pubblicato nel 1963 e poi divenuto importante film, ed è una vicenda archetipica ove si mescolano sensualità, paura, pettegolezzo, omertà, tradimento e moralismo nello scenario di una provincia francese retriva e giudicante. Lo spettacolo si avvale delle scenografie di Maria Spazzi, vincitrice del Premio Hystrio Altre Muse, che per l’occasione ha immaginato un’ambientazione di grande impatto estetico ed emotivo. La storia, che coinvolge quattro volti sulla scena, è quella di due amanti, Tony e Andrèe, ex compagni di scuola oggi quarantenni ed entrambi sposati, che si incontrano nella camera azzurra per dare sfogo alla propria passione irrefrenabile. Sono loro a ritrovarsi tempo dopo separati in un’aula di tribunale, accusati di aver commesso crimini efferati: l’eliminazione di entrambi i coniugi con modalità diaboliche. L’interrogatorio cui vengono sottoposti per svelare la verità e rispondere alla sete di giustizia della comunità diventa occasione per scoprire intriganti meccanismi e condurre uno scandaglio sull’umano e i suoi istinti più  segreti, la parte più interessante del romanzo. Concentrata sul cupo erotismo del testo e l’eterna conflittualità tra passione e ordine – la passione degli amanti e l’ordine della famiglia – la regia lavora sul concetto di colpa e l’ipotesi di plagio, scegliendo l’interrogatorio come luogo drammaturgico in cui si snoda il racconto e da cui si aprono e chiudono frammenti di realtà come flashback della storia. A guidare il confronto tra i personaggi un commissario ossessionato dalla risoluzione del caso, un poliziotto che conosce e vive in quell’ambiente di provincia asfittico, lui stesso parte di quella comunità chiusa e giudicante della quale, forse, è anche lui vittima e carnefice. 

Lo spettacolo sarà in scena fino al 13 novembre.


Orari spettacoli:
venerdì 8, ore 20:30 sabato 9, ore 20:30 domenica 10, ore 16:30 lunedì 11, ore 20:30 martedì 12, ore 16:30 mercoledì 13, ore 20:30


Teatro Orazio Bobbio,
Via del Ghirlandaio, 12
TRIESTE

from to
Arte e spettacolo
Teatro Orazio Bobbio, 12/A, Via del Ghirlandaio, Barriera Vecchia-San Giacomo, Trieste, UTI Giuliana, Friuli Venezia Giulia, 34138, Italia Mappa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.