Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Tuesday June 18th 2019

Pages

Insider

Archives

Le Vie delle Foto

 

Laura Poretti Rizman intervista Linda Simeone, ideatrice de Le Vie delle Foto

 

LPR: Buongiorno a Linda Simeone, ideatrice del progetto le Vie delle foto. Può spiegare ai nostri lettori come nasce questa sua idea e di cosa si tratta?

Linda Simeone: A volte l’idea resta tale, altre volte diventa qualcosa di straordinario.

Il progetto Le vie delle Foto nasce e viene sviluppato come una mostra fotografica collettiva composta da tante singole esposizioni simultanee dislocate nel centro città di Trieste dal 1 al 30 aprile (precedentemente dal 1 al 31 ottobre).

Le mostre collegano come un moderno network le diverse location di Trieste, locali e bar che, per la stessa natura mitteleuropea della città, sono i luoghi di incontro e della quotidianità cittadina per eccellenza.Viene coperto tutto il centro cittadino e per un mese è possibile inventarsi dei percorsi per visitare anche quotidianamente alcune delle esposizioni: un motivo in più per girare a piedi, incuriositi da questa città che, negli ultimi anni, ha anche un occhio di riguardo speciale nei confronti dei pedoni.

Le vie delle Foto vede la luce in una noiosa giornata di luglio. L’entusiasmo non si è fermato al progetto lasciandolo irrealizzato, ma con l’energia delle persone che lo hanno pensato e che hanno deciso di crederci, sboccia e si sviluppa.

I primi eroi sono stati venticinque fotografi che hanno sposato il progetto, che all’epoca era senza tema obbligatorio. Si sono impegnati a sviluppare nuovi concetti, pensando, realizzando e scattando foto nuove e innovative per una “mostra qualunque” a Trieste.

Il progetto cresce e fiorisce all’ombra di un afosissimo agosto, grazie anche alla lungimiranza di venticinque titolari di bar e locali che aderiscono e credono anche loro nell’iniziativa, mettendo a disposizione tempo e spazio e rendendo, di fatto, realizzabile una “mostra qualunque” fotografica a Trieste.Il matrimonio di oltre cinquanta menti un po’ geniali e folli non ha fatto altro che trasformare questa “mostra qualunque“ nella più grande mostra fotografica diffusa mai realizzata finora a Trieste.

LPR: Lei parte da sola e man mano nel corso degli anni, aggiunge collaboratori al suo procedere lavorativo. Ci racconti come sceglie le sue collaboratrici.

Linda Simeone: Per far parte dello staff de Le vie delle Foto non è necessario avere delle competenze fotografiche. Ho preferito che le persone che lavorano con me sappiano poco o addirittura niente di fotografia perché è necessario, secondo me, non avere nessun ‘pregiudizio fotografico’, perché Le vie delle Foto è un’esperienza fotografica emozionale che va vissuta a pieno senza impostazioni tecniche.

Preferisco persone o super creative che portino fantasia, colore ed energia, qualsiasi sia il loro background o, visto che ci muoviamo continuamente con fotografi che sono ‘creativi per eccellenza’, ho scelto persone che siano super organizzate, precise, che facciano da metronomo con scadenze, raccolta informazioni. Che mettano ordine, insomma.

LPR: Più di seicento fotografi hanno partecipato a questa manifestazione che è divenuta un vero percorso artistico. La fotografia vista non solo come turismo attivo, ma anche passivo. Quanto pensa possa svilupparsi ancora nella nostra città questa manifestazione?

Linda Simeone: Finché ci saranno locali che decideranno di aderire e fotografi pronti a mettersi in mostra, Le vie delle Foto potrà sempre crescere. Inoltre viene unito tutto dalla fantasia e creatività di chi lavora al progetto al quale ogni anno si aggiunge qualcosa di nuovo e diverso.

LPR: Perché Le vie delle Foto non è un concorso fotografico?

Linda Simeone: Perché secondo me la fotografia, come strumento di comunicazione, unisce e non divide.

E soltanto con la condivisione di idee e di spunti si riescono a creare dei progetti fotografici migliori. La fotografia è un viaggio tra diversi mondi e oggi come oggi non abbiamo bisogno di mettere questi mondi in competizione, ma dobbiamo trovare un modo per unirli.

Onestamente, durante i tour oppure tutto il mese, non c’è niente di più bello che vedere i fotografi, che senza nessuna pressione o pregiudizio dovuto a una ‘gara’, vanno a visitare le mostre reciprocamente e si danno consigli, suggerimenti. E si vedono stringere anche amicizie.

LPR: Quali sviluppi riserva il suo progetto per il futuro?

Linda Simeone: Vorrei che Trieste, con questo progetto che cresce e acquista sempre più autorevolezza, si confermi la città fotografica per antonomasia in Italia.

Laura Poretti Rizman

foto fornita da Federica Marchesich per Le Vie delle Foto
LE VIE DELLE FOTO
La Fotografia invade Trieste
1 – 30 APRILE 2018

Per l’ottava volta Trieste torna ad essere una grande mostra fotografica diffusa: con Le Vie delle Foto i locali pubblici e gli spazi urbani si trasformano in un’unica, gigantesca galleria, dove fotografi, professionisti e non, da tutta Italia e dal mondo, possono esporre i propri scatti.

Le Vie delle Foto nasce nel 2011 da un’idea dell’imprenditrice triestina Linda Simeone «Le Vie delle Foto cresce sempre di più» dice Linda «l’anno scorso abbiamo avuto 76 locali e 150 fotografi, e quest’anno l’obiettivo è ancora più ambizioso. Non vediamo l’ora di passeggiare a piedi per la nostra splendida città e poterci godere i progetti degli artisti che parteciperanno e i locali che li ospiteranno».
A ogni fotografo viene infatti assegnato un esercizio pubblico tra quelli aderenti al percorso cosicché le singole mostre possano avere ciascuna un loro tema. Le mostre vengono esposte per tutto il mese di aprile ed è possibile visitarle durante gli orari di apertura dei locali.  Ogni sabato del mese sono inoltre previste visite guidate con percorsi creati ad hoc per poter ammirare sia le mostre, sia apprezzare i locali che le ospitano, che ovviamente la città di Trieste in tutti i suoi angoli, anche quelli meno noti. L’offerta va così ad arricchire ulteriormente il programma di eventi fruibile sia dai cittadini che dai turisti presenti in città.
Le Vie delle Foto presenta ogni anno delle innovazioni e nel 2018 fanno la loro entrée ufficiale anche delle degustazioni, degli eventi e degli incontri a tema affinché il mese di aprile a Trieste diventi ufficialmente il mese della fotografia e della condivisione della passione per quest’arte.
Numerose sono le adesioni già arrivate e a breve si procederà alle selezione degli artisti ospiti.
Per chi fosse interessato a iscrivere i propri scatti, sul sito www.leviedellefoto.it c’è il modulo e il regolamento per potersi candidare oltre ai contatti per ricevere ulteriori informazioni.
Il bando scade il 5 marzo 2018.
Share
Previous Topic:

Nella stessa categoria

Costanza Macras per Ufo
Costanza Macras per Ufo

GIOVEDì 6 GIUGNO – PERFORMANCE DAL VIVO CON COSTANZA MACRAS PER LA CONTRADA . SONO GLI UFO DI MARCELA SERLI [Read More]

Aperte le prevendite per i fuori abbonamento alla Contrada
Aperte le prevendite per i fuori abbonamento alla Contrada

DA MARTEDì 4 GIUGNO APERTE LE PREVENDITE DEI  FUORI ABBONAMENTO 2019/2020 CON LUCA ARGENTERO, MONI OVADIA E [Read More]

Spazi liminali di genere, Ufo atterra alla Stazione Rogers
Spazi liminali di genere, Ufo atterra alla Stazione Rogers

Con la direzione artistica di Marcela Serli per La Contrada Teatro Stabile di Trieste, il progetto UFO nasce [Read More]

Festival Viktor Ullmann 6 edizione
Festival Viktor Ullmann 6 edizione

Associazione “Musica Libera” www.festivalviktorullmann.com FESTIVAL “VIKTOR ULLMANN” VI edizione 2019-2020 [Read More]

ShorTS International Film Festival 2019
ShorTS International Film Festival 2019

Il festival triestino, in programma dal 28 giugno al 6 luglio, annuncia i titoli di “Nuove Impronte”, la sezione [Read More]