L’Operetta al Castello di San Giusto 🗓

L’Operetta al Castello di San Giusto

foto fornita da Associazione Internazionale dell’Operetta

E’ partita la prevendita per gli spettacoli d’Operetta al Castello di San Giusto, prodotti dall’Associazione Internazionale dell’Operetta. Il 6 e l’11 agosto i protagonisti della piccola lirica triestina calcheranno il palcoscenico del piazzale delle Milizie con due spettacoli: il 6 agosto un Galà dedicato a “L’Impero dell’Operetta” con un programma che celebrerà i maggiori compositori del genere, da Offenbach e Suppè, dei quali quest’anno ricorre il duecentesimo dalla nascita, a Strauss e Lehár. Principi, duchi, contesse, nobiltà di imperi europei, da quello di Napoleone III a Francesco Giuseppe, compaiono usualmente nei compositori del concerto, vivono nei palazzi di Parigi e Vienna, Budapest e Praga, trascorrono il loro tempo tra feste, balli e banchetti, si intrattengono con belle signore. L’11 agosto sarà la volta del concerto scenico “dal Paese dei Campanelli all’ombra del Campanon”, liberamente ispirato all’operetta di Carlo Lombardo e Virgilio Ranzato, L’intreccio ruota attorno ad una vicenda di incroci di coppie, ironico, bonario e pieno di leggerezza. Le abitazioni hanno sopra la casa un campanello magico che suona nel caso in cui all’interno della stessa l’angelo del focolare cada in tentazione… e i campanelli suonano, come si accendono le luci del famoso detto triestino “se tutti i bechi gavessi un lampion, mamma mia, che illuminazion”. Sul palco Maria Giovanna Michelini, Marzia Postogna, Ilaria Zanetti, Andrea Binetti, anche regista degli eventi, Alessio Colautti, Gualtiero Giorgini, Mathia Neglia e Corrado Gulin al pianoforte, con le coreografie di Artinscena.
I biglietti sono in prevendita presso TicketPoint di Corso Italia 6/C e prevedono una formula scontata per chi acquisterà entrambi gli spettacoli.

L’Associazione Internazionale dell’Operetta proporrà il 19 luglio un evento internazionale, questo ad ingresso libero e gratuito, l’operetta in forma semiscenica di Jacques Offenbach, “Monsieur Choufleuri”, una delle sue più divertenti e famose, coproduzione internazionale con la Chapelle Reine Elisabeth di Brussells e con il Piccolo Festival del FVG, in collaborazione con l’Opera di Monte-Carlo.

L’interpretazione di un’opera comica in forma semi scenica permette di presentarla ad un pubblico, non solamente sul piano musicale ma anche nel suo aspetto drammaturgico.
Con l’aiuto d’un allestimento scenico, di costumi, elementi di decoro e di sottotitoli in italiano, ci si calerà dentro la dimensione singolare di quest’operetta che come sempre ricalca lo schema della satira che contraddistinse l’opera di Offenbach.

Per informazioni Associazione Internazionale dell’Operetta: e-mail: info@triesteoperetta.it – tel. 340 4738010 – www.triesteoperetta.it.

from to
Arte e spettacolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.