Manovra finanziaria – Il peso delle spese militari: tutti lo sanno ma nessuno ne parla

immagine tratta da opalbrescia.it

A proposito delle svariate proposte del governo in materia di manovra economica, tutti protestano ma nessuno osa mettere in discussione i 24 miliardi di euro che ogni anno i cittadini italiani sono costretti a pagare per le spese militari.

Persino le proposte della cosiddetta opposizione non prendono assolutamente in considerazione questo punto.

Come è possibile che nessuno di tutti coloro che oggi fanno la voce grossa contro la manovra economica metta in discussione le spese militari?

Perché tagliare ancora le spese per lo stato sociale mentre dobbiamo ancora mantenere un esercito tanto mastodontico quanto inutile di 180mila soldati?

Perché abolire comuni e province, con gravi ripercussioni sul livello di decentramento del potere politico e quindi di democrazia, mentre dobbiamo pagare 20 miliardi di euro per acquistare 131 cacciabombardieri F-35?

Perché migliaia di lavoratori e lavoratrici dovrebbero ritardare il momento in cui possono andare in pensione, mentre spendiamo altri miliardi di euro per missioni militari nel mondo, e in particolare quelle in corso in Afghanistan e in Libia, spesso assolutamente inefficaci?

Ecco, quindi, uno dei motivi principali che sta alla base delle crisi economiche in nome delle quali maggioranze e opposizioni politiche – sempre più inadeguate a rappresentare gli interessi dei cittadini – propongono manovre economiche sempre più inique.

Per la cosiddetta sicurezza, invece di investire in strumenti di natura preventiva, si continua a spendere soldi per seguire un modello militare vecchio e ammuffito che ha dimostrato innumerevoli volte la sua inefficacia.

Stiamo, in sintesi, pagando lo strapotere di una potente lobby trasversale che investe i campi politico, militare, industriale e finanziario con colpevoli complicità dei mezzi di informazione che omettono di parlare di uno dei capitoli di spesa più illogici e assurdi: quello delle spese militari.

Invece di tante chiacchiere sono sufficienti poche parole ma chiare: fin quando si spenderanno tanti miliardi in spese militari, nessun taglio alla sanità, alla scuola e allo stato sociale sarà mai giustificato.

1  Settembre 2011

PARTITO UMANISTA

http://www.partitoumanista.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.