Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Tuesday March 26th 2019

Pages

Insider

Archives

Misura per Misura 🗓 🗺

Son sempre i nostri dubbi a tradirci e a farci perdere quello che avremmo potuto guadagnare se non ci fosse mancato il coraggio di tentare

William Shakespeare, Misura per Misura

Spettacolare! Un’altra scelta azzeccata da parte dell’organizzazione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia per il cartellone della Stagione di Prosa di quest’anno che vede Paolo Valerio dirigere Massimo Venturiello e una numerosa compagnia d’interpreti in “Misura per Misura” una fra le più misteriose opere di Shakespeare.

Proprio sul mistero di questa commedia, il regista gioca vestendo con abiti lineari e eleganti ma allo stesso modo eccentrici, i protagonisti. Tutti portano dei simboli sul dorso degli abiti che suscitano curiosità in quanto non si riesce a capire se raffigurano insetti oppure simbologie arcaiche o futuriste.

La scena è aperta sui lati mostrante le quinte; enormi pannelli verticali sono gestiti da un meccanismo che permette di muoverli creando continuamente spazi diversi. L’ampiezza del tutto e le videoproiezioni di paesaggi ipotizzati da penellate sapienti ma non definite e le riprese fatte agli stessi interpreti mentre recitano, ma da lati diversi, rendono un effetto scenico davvero potente, quasi fosse uno specchio tra passato e futuro.

Ovviamente anche la musica creata per lo spettacolo calza alla perfezione e gli attori, utilizzano anche lo spazio dei corridoi nella platea tra il pubblico, creando a tratti, complicità di sguardi ma soprattutto immergendo il pubblico stesso nello spettacolo.

Gli artisti sono perfettamente calati nei personaggi e nell’interpretazione voluta dal regista.

Da non perdere in questi ultimi due giorni che rimangono.

Unica nota di fastidio che appartiene esclusivamente al pensiero Shakesperiano, è la visione negativa della donna che può vestire solo due vesti ben distinte, o santa o dissoluta. Punizione esemplare rimane dunque il matrimonio, che a mio modesto punto di vista, può però essere letto in maniera duplice.

Lo spettacolo va in scena da mercoledì 28 novembre alla Sala Assicurazioni Generali del Politeama Rossetti per la Stagione di Prosa del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Repliche fino a domenica 1 dicembre.

Laura Poretti Rizman

 

Estate Teatrale Veronese
Teatro Stabile Verona – Teatro della Toscana
“Misura per misura” di William Shakespeare
Regia di Paolo Valerio

Un grande classico illumina la Stagione Prosa dello Stabile regionale: “Misura per Misura” di Shakespeare arriva al Politeama Rossetti da mercoledì 28 novembre a domenica 2 dicembre.

Il testo a tratti cupo e fra i più misteriosi – e perciò intriganti sul piano artistico – appare oggi ancor più tagliente e incisivo: Paolo Valerio, regista di questa nuova edizione prodotta dallo Stabile di Verona con il Teatro della Toscana e l’Estate Teatrale Veronese, lo ha compreso chiaramente e ha concepito l’intera messinscena tenendo conto di questa dimensione.

Gli attori, capitanati da Massimo Venturiello nei panni del Duca, attraversano la drammaturgia con ritmo incalzante, incastonati in un’ambientazione che non è collocabile in un tempo definito. Il Duca – ha evidenziato la critica – sembra concepire un “Truman Show” al contrario. La fascinazione del male, le contraddizioni interiori dell’essere umano, l’egoismo, la perdita dei valori fondamentali risuonano dunque con ancor maggiore potenza fra il palcoscenico e la platea e inducono a importanti riflessioni. «Questo malessere umano, oltre tutti i limiti possibili, oltre la farsa, oltre l’ironia, diventa gioia e dolore di un luogo immaginario ma così reale e vicino, dove la forza dell’amore e della bellezza silenziosa forse trionferanno sulla schiavitù della paura e dell’istinto. Per ritornare a sognare, nonostante tutto» scrive il regista, accennando al finale della commedia che affida la speranza ad un ambiguo, poetico silenzio.

La trama shakespeariana vuole che il Duca di Vienna, stanco dei vizi e degli eccessi che ammorbano la sua città, decida di allontanarsi, affidandone la guida ad Angelo, uomo coscienzioso e apparentemente morigerato che assume la carica di governatore. In realtà il Duca ha architettato una finzione, per osservare – assumendo una falsa identità – il comportamento e i pensieri dei propri concittadini. Si traveste da religioso, prende il nome di frate Ludovico, ed assiste agli eventi, talvolta intervenendo in modo da evitare il peggio e prendendo coscienza della deriva intrapresa dalla sua comunità.

Come gli altri, anche l’integerrimo Angelo si lascia presto corrompere: da un lato esercita con ottuso rigore il proprio potere condannando a morte il giovane Claudio, colpevole di attendere un figlio dalla propria fidanzata prima delle nozze. Dall’altro però, quando la sorella del condannato – la novizia Isabella – si presenta da lui per intercedere e salvare almeno la vita al giovane, Angelo si lascia tentare e compie un ricatto sessuale: Claudio avrà la vita salva se Isabella si concederà a lui per una notte.

La deprecabile proposta scatena un’ondata di sviluppi discutibili: Claudio pur di non morire accarezza la tentazione di sacrificare l’onore della sorella, lei per salvarsi lascia senza troppi scrupoli che un’altra donna la sostituisca nell’orribile notte con Angelo… Per fortuna la sostituzione è una macchinazione del Frate-Duca che opportunamente mette fra le braccia di Angelo la sua legittima moglie.

Così la commedia si conclude armoniosamente, con la celebrazione di quattro matrimoni.
Lascia l’amaro in bocca però: perché il finale gioioso e riparatore – a ben guardare – non assicura affatto che l’indomani la società scelga di abbandonare la china di depravazione intrapresa. E ad amplificare questo senso d’inquietudine, sono certo le assonanze che percepiamo fra la collettività tratteggiata fantasiosamente nei primi anni del ‘600 e quella attuale. È in questo la grandezza di Shakespeare, l’immensità della sua scrittura, l’universalità della sua invenzione.

“Misura per Misura” di William Shakespeare va in scena nella traduzione di Masolino D’Amico e per la regia di Paolo Valerio.
Daranno vita ai molti personaggi dello spettacolo Massimo Venturiello (IL DUCA, Vincenzo), Simone Toni (ANGELO, il vicario), Roberto Petruzzelli (ESCALO, anziano lord), Francesco Grossi (CLAUDIO, giovane gentiluomo), Alessandro Baldinotti (LUCIO, uno stravagante), Marco Morellini (BARGELLO), Simone Faloppa (GOMITO, gendarme stordito), Luca Pedron (SCHIUMA, gentiluomo sciocco), Roberto Petruzzelli (POMPEO, servo di madama Strafatta), Luca Pedron (ABOMINO, boia), Simone Faloppa (BERNARDINO, detenuto dissoluto), Camilla Diana (ISABELLA, sorella di Claudio), Federica Castellini (MARIANA, promessa sposa di Angelo), Federica Pizzutilo (GIULIETTA, amata da Claudio), Alessandro Baldinotti (MADAMA STRAFATTA, mezzana).

Ha curato i movimenti di scena Monica Codena, le scene e le immagini sono di Antonio Panzuto, i costumi sono creazioni di Luigi Perego, firma le luci Nevio Cavina e le musiche Antonio Di Pofi. Lo spettacolo è una coproduzione del Teatro Stabile di Verona con il Teatro della Toscana e l’Estate Teatrale Veronese.

“Misura per Misura” va in scena al Politeama Rossetti da mercoledì 28 novembre a sabato 1 dicembre alle ore 20.30 e domenica 2 dicembre va in scena la recita pomeridiana alle 16.

Giovedì 29 novembre alle 18 alla Sala Bartoli si terrà un incontro di approfondimento sullo spettacolo e sul testo a cura del direttore della British School del Friuli Venezia Giulia, il professor Peter Brown, che converserà con alcuni egli interpreti di “Misura per Misura”. La conversazione si ripeterà venerdì 30 novembre alle ore 17.30 in lingua inglese.

L’ingresso a entrambi gli appuntamenti, è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

I biglietti ancora disponibili si possono acquistare nei consueti punti vendita e circuiti oppure in internet accedendo direttamente dal sito del Teatro, www.ilrossetti.it. Per ogni informazione ci si può rivolgere al numero 040. 3593511.

Share
from to
Arte e spettacolo
Politeama Rossetti, 1, Largo Giorgio Gaber, Città Nuova-Barriera Nuova-San Vito-Città Vecchia, Trieste, UTI Giuliana, Friuli Venezia Giulia, 34126, Italia Mappa

Nella stessa categoria

Adriatico Blues
Adriatico Blues

Adriatico Blues Giovedì 28 , venerdì 29 e sabato 30 marzo ore 20.30 Teatro Miela [Read More]

Platonov
Platonov

“La compagnia Il Mulino di Amleto porta in scena per la regia di Marco Lorenzi il primo dramma di Anton Cechov, [Read More]

Un delirio a due
Un delirio a due

Teatro: sabato 30 marzo alle 20.30 e domenica 31 marzo alle 17.00 va in scena in Hangar Teatri lo spettacolo “Un [Read More]

L’improprio uso della mente
L’improprio uso della mente

Teatro: domenica 24 marzo alle 17.00 va in scena in Hangar Teatri il monologo “L’improprio uso della mente”, [Read More]

Sulle tracce dei Sartorio
Sulle tracce dei Sartorio

VISITA GUIDA-ANIMATA: “Sulle tracce dei Sartorio” visita guidata – animata al Civico Museo Sartorio, [Read More]