No Borders Music Festival 2020

NO BORDERS MUSIC FESTIVAL 2020

“L’UOMO TRACCIA CONFINI, LA MUSICA LI SUPERA”

UNA STAR INTERNAZIONALE E DUE NAZIONALI AI LAGHI DI FUSINE, 

ECCO I PRIMI GRANDI PROTAGONISTI DELLA 25° EDIZIONE AL CONFINE TRA ITALIA, AUSTRIA E SLOVENIA

 

 

 

 

SABATO 25 LUGLIO: LUKA SULIC (special live with Evgeny Genchev)

DOMENICA 26 LUGLIO: BRUNORI SAS

SABATO 1 AGOSTO: ELISA

LAGHI DI FUSINE – TARVISIO (UD)  inizio concerti ore 14:00

 

IN BICICLETTA E A PIEDI PER IL FESTIVAL NATURALISTICO CHE PROMUOVE 

LA MUSICA COME FORMA CULTURALE E MEZZO DI COMUNICAZIONE UNIVERSALE 

CHE SUPERA I CONFINI LINGUISTICI, ETNICI, SOCIALI E GEOGRAFICI

 

BIGLIETTI (5 EURO) IN VENDITA DALLE 10:00 DI VENERDÌ 10 LUGLIO ONLINE SU TICKETONE.IT

TUTTE LE INFO SU WWW.NOBORDERSMUSICFESTIVAL.COM

 

Oggi il No Borders Music Festival annuncia una star internazionale e due star nazionali: saranno Luka Sulic dei 2Cellos, Brunori Sas ed Elisa i primi tre grandi protagonisti a calcare il palco della storica 25° edizione del festival, rispettivamente sabato 25 luglio, domenica 26 luglio e sabato 1 agosto (tutti i concerti inizieranno alle ore 14:00), ai Laghi di Fusine, i laghi di origine glaciale posti alla base della catena montuosa del Gruppo del monte Mangart, che saranno raggiungibili solamente in bicicletta e a piedi per una immersione totale nella natura, in grado di mostrare le sue infinite gamme di colore dipingendo il bosco e i laghi con sfumature uniche, rendendo ancora più magico questo sito. I biglietti per i concerti (prezzo simbolico di 5 euro più diritti di prevendita) saranno in vendita a partire dalle ore 10:00 di venerdì 10 luglio solamente online su Ticketone.it. Tutte le info sono consultabili sul sito ufficiale www.nobordersmusicfestival.com

“La musica – afferma Tiziana Gibelli, Assessore alla Cultura della Regione FVG – può essere una importante forma culturale e al tempo stesso un importante mezzo di comunicazione, come nel caso del No Borders Music Festival che da anni è riuscito a valorizzarla oltre i confini geografici, etnici, sociali e soprattutto linguistici. Il No Borders si è confermato inoltre come un festival sensibile e sostenibile dal punto di vista ambientale, promuovendo attraverso la musica alcuni dei siti naturalistici più importanti della regione e quest’anno lo farà in sicurezza, rispettando le prescrizioni e garantendo una corretta applicazione della normativa in vigore”.

All’inizio di maggio la star mondiale del violoncello Luka Sulic aveva scelto le montagne del Tarvisiano per registrare la sua versione di “Nothing Else Matters” dei Metallica e la “Cello Suite N°1” di Johann Sebastian Bach, due video che in poche settimane hanno totalizzato oltre 2 milioni di visualizzazioni e sabato 25 luglio ritornerà proponendo un nuovo progetto speciale che inaugurerà la 25esima edizione del No Borders Music Festival: un concerto tra pop, rock e classica assieme al pianista crossover Evgeny Genchev.

Per domenica 26 luglio è fissato un graditissimo ritorno, quello di Brunori Sas, appena aggiudicatosi il Premio Tenco con l’ultimo album “Cip!”, miglior album italiano del 2020, che dopo l’indimenticabile concerto piano e voce di due anni fa a Sella Nevea sul Monte Canin, si esibirà ai Laghi di Fusine in trio, accompagnato Dario Della Rossa alle tastiere e Massimo Palermo alla batteria. Sabato 1 agosto, sempre alle ore 14:00 sul palco dei Laghi di Fusine, sarà la volta di Elisa, cantautrice, polistrumentista e produttrice musicale tra i nomi italiani più importanti di sempre con 26 Dischi di Platino, il Disco di Diamante e le collaborazioni con grandissimi star come Luciano Pavarotti, Ennio Morricone, Tina Turner, Dolores O’Riordan, Andrea Bocelli, Imagine Dragons e tanti altri. Il suo ultimo brano “Andrà tutto bene”, scritto e composto con Tommaso Paradiso insieme a tutti i fan in diretta social in pieno lockdown, è stato scelto dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo per una importante campagna istituzionale al fine di sensibilizzare le donazioni per affrontare l’emergenza covid–19.

“Non capita tutti i giorni – afferma Sergio Emidio Bini, Assessore alle Attività Produttive e al Turismo del Friuli Venezia Giulia – di poter ascoltare la grande musica nei luoghi più incantati della nostra montagna. L’idea del festival è infatti quella di realizzare la musica dal vivo in contesti naturalistici di grande fascino, come i laghi di Fusine, l’altopiano del Montasio e la catena montuosa del Canin, osservando tutte le norme di sicurezza e le relative prescrizioni. Un’offerta musicale che spazia da un genere all’altro, senza confini proprio come il suo significato letterale, che fonde il linguaggio internazionale della musica con l’identità e la specificità di questi luoghi che sono al confine con altri due stati, l’Austria e la Slovenia. Il No Borders – conclude Bini – non è soltanto un evento musicale ma un prezioso elemento di attrattività turistica, che porta turisti nazionali e stranieri, amanti della musica e della natura, che magari arrivano qui per la prima volta per scoprire poi quelle che saranno le mete dei loro prossimi viaggi”.

La grandezza di un evento – dichiara il Sindaco di Tarvisio, Renzo Zanette – non viene determinata solo dai numeri, bensì dalla sua proposta e dalla sua capacità di farne parlare e soprattutto di raccontarsi, questo è sempre stato il pensiero alla base del nostro festival, oggi ancora più di ieri”.

NO BORDERS MUSIC FESTIVAL_Laghi di Fusine_credit Simone Di Luca, foto fornita da Luigi Vignando

 

 

AL CONFINE TRA ITALIA, AUSTRIA E SLOVENIA

NEGLI SCENARI NATURALISTICI MONTANI DEL TARVISIANO

 

LA MUSICA COME FORMA CULTURALE E MEZZO DI COMUNICAZIONE UNIVERSALE 

CHE SUPERA I CONFINI LINGUISTICI, ETNICI, SOCIALI E GEOGRAFICI

NO BORDERS MUSIC FESTIVAL

25° EDIZIONE – DAL 25 LUGLIO 2020

 

IL FESTIVAL PROMUOVE LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: 

LE AREE DEI CONCERTI RAGGIUNGIBILI SOLAMENTE A PIEDI O IN BICICLETTA

 

“L’UOMO TRACCIA CONFINI, LA MUSICA LI SUPERA”

 Il 21 maggio, si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale della Diversità Culturale per il Dialogo e lo Sviluppo, uno dei temi principali che già dalla sua prima edizione, 25 anni fa, viene sviluppato dal No Borders Music Festival, la rassegna che si tiene al confine tra Italia, Austria e Slovenia valorizzando la musica come forma culturale e mezzo di comunicazione universale in grado di essere compreso da tutti, superando i confini linguistici, etnici, sociali e geografici.

Nel corso degli anni il festival, attraverso la musica, è riuscito anche a far scoprire a migliaia di visitatori italiani e stranieri alcuni dei luoghi naturalistici più incontaminati e suggestivi del comprensorio montano del Tarvisiano (i Laghi di Fusine, l’Altopiano del Montasio, la montagna del Canin, la Foresta millenaria di Tarvisio), ponendosi dunque come obiettivo anche la sensibilizzazione e sostenibilità ambientale della propria rassegna, essendo tra i primi a promuovere l’accesso alle aree dei concerti solamente a piedi o in bicicletta, iniziativa che ora diventerà il tema centrale della nuova edizione.

“L’uomo traccia confini, la musica li supera”, il No Borders Music Festival oggi riparte proprio dalla musica e dai suoi luoghi, annunciando ufficialmente, tra i primissimi in Italia, la sua 25esima edizione che prenderà il via sabato 25 luglio 2020, per continuare il proprio dialogo che va oltre la diversità culturale.

“Le nostre montagne, i nostri laghi, la nostra foresta e i nostri altopiani – dichiara Claudio Tognoni, direttore del No Borders Music Festival e del Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano – permettono di vivere la musica e le proprie passioni in maniera eco sostenibile grazie agli ampi spazi e alla natura incontaminata. La grandezza di un evento non viene determinata solo dai numeri, bensì dalla sua proposta e dalla sua capacità di farne parlare e soprattutto di raccontarsi, questo è sempre stato il pensiero alla base del nostro festival, oggi ancora più di ieri.

Nel corso degli anni – conclude Tognoni – abbiamo ospitato grandi nomi nazionali e internazionali, da Ben Harper e Manu Chao, per citarne solo un paio degli ultimi anni, che hanno accettato il nostro invito ritrovandosi nei nostri obiettivi e nelle nostre iniziative. Contiamo di annunciare a breve l’intero cartellone che sarà come sempre incentrato su una proposta importante, eterogenea, che ci aiuti a continuare il nostro dialogo tra le diversità culturali e far conoscere le nostre fantastiche montagne”.

Il No Borders Music Festival è organizzato dal Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano, Sella Nevea e Passo Pramollo, in collaborazione con Regione Friuli Venezia Giulia, PromoTurismoFVG, Fondazione Friuli, Crédit Agricole Friuladria, BIM, Allianz Assicurazioni, il Comune di Chiusaforte, Grolsch, Gore-Tex, Comune di Tarvisio e ProntoAuto.

Media partner Radio Deejay e Sky Arte. Tutte le info sul sito www.nobordersmusicfestival.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.