Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Friday March 22nd 2019

Pages

Insider

Archives

Prima della pensione 🗓 🗺

Elke Burul, foto fornita da La Contrada

AMICI DELLA CONTRADA STAGIONE 2018|2019

TEATRO A LEGGIO

4 MARZO 2019 ORE 17.30

“PRIMA DELLA PENSIONE”  DI THOMAS BERNHARD

Nel momento in cui si ricordano i trent’anni dalla morte di Thomas Bernhard va in scena lunedì 4 marzo alle 17.30  – per la stagione del Teatro a Leggìo al Bobbio organizzato dall’Associazione Amici della Contrad – nell’adattamento e con la regia di Elke Burul, una delle opere più attuali del geniale e controverso autore austriaco. Metafora della divisione delle due Germanie e della crisi dei valori occidentali Prima della pensione, che debuttò nel 1979, tocca ancora oggi alcuni nervi scoperti della società contemporanea come la difficoltà nel gestire il rapporto con “l’altro”.

Rudolf, interpretato da Adriano Giraldi, è un ex ufficiale delle SS, già direttore di un lager che dopo dieci anni di latitanza è riuscito a diventare presidente di un tribunale e vive ora con le due sorelle Vera, in scena Elke Burul, e Clara, interpretata da Daniela Gattorno, nella vecchia casa che li ha visti crescere. Il rapporto tra i tre è complesso e tormentato; costretti a vivere assieme, incapaci di liberarsi delle catene che li obbligano a vivere in una realtà che non riescono ancora ad accettare, si torturano a vicenda, si odiano e si amano, si rinfacciano ambiguità e bisogni. Il compleanno di Himmler, celebrato ogni anno in segreto per tenere vive le mai sopite nostalgie naziste di Rudolf e Vera, acuisce fino al parossismo la tensione tra i due e Clara, la sorella inferma. «In un clima sinistro – spiega la regista e interprete Elke Burul – fatto più di ombre che di luci, si muovono i tre personaggi, prigionieri di se stessi e di un passato che per quanto inaccettabile, si rivela drammaticamente attuale; il dialogo, spesso dilatato in monologo, assume però ritmi e strutture cabarettistiche, a creare un’inquietante stridore che mescola realtà e finzione. La capacità di distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato, la giustizia, l’umanità, tutto viene stravolto e sfilacciato, strattonato e trascinato nel caos, in un gioco crudele in cui tutti diventano vittime e carnefici». Per il tesseramento recarsi oggi al Teatro Bobbio dalle 16 alle 17.

Share
Arte e spettacolo
Teatro Orazio Bobbio, 12/A, Via del Ghirlandaio, Barriera Vecchia-San Giacomo, Trieste, UTI Giuliana, Friuli Venezia Giulia, 34138, Italia Mappa

Nella stessa categoria

Mi e lab 20 e 21 marzo al Teatro Miela
Mi e lab 20 e 21 marzo al Teatro Miela

Mi e lab 20 e 21 marzo al Teatro Miela [Read More]

Le quattro stagioni
Le quattro stagioni

“Giovedì 21 marzo alle 20.30, ritornano al Politeama Rossetti gli Arearea: presentano per la prima volta in [Read More]

Dal Silenzio del Tempo
Dal Silenzio del Tempo

Alessandra Sagelli Wunderkammer Sala delle Colonne, Torre del Lloyd, TRIESTE giovedì 21 marzo, ore 20:30 [Read More]

Poesia ad Espansioni
Poesia ad Espansioni

GIOVEDI' 21 marzo dalle 18.30 alle 20 nella GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA saremo al TEA ROOM a Trieste per un reading [Read More]

Il lupo, i porcellini e gli stivali del gatto
Il lupo, i porcellini e gli stivali del gatto

Il lupo, i porcellini e gli stivali del gatto Domenica 24 marzo alle 11 rassegna Ti racconto una fiaba della [Read More]