Variazioni enigmatiche al Teatro dei Fabbri per FESTIL 🗓

Divertente e imprevedibile l’edizione della compagnia croata  Dramma Italiano Teatro Naziona Croato Ivan pl Zajc che venerdì 22 luglio ha portato al Teatro dei Fabbri di Trieste “Variazioni enigmatiche” di Éric-Emmanuel Schmitt.

Lo spettacolo è parte del cartellone della settima edizione di FESTIL, il Festival estivo del Litoral, che in particolare quest’anno ha portato grandi spettacoli in scena.

“Variazioni enigmatiche” di Éric-Emmanuel Schmittun è thriller psicologico sulla vita e l’amore. In questa rappresentazione è stato diretto da Neva Rošić che è una delle artiste più importanti della città di Fiume. La traduzione italiana è stata seguita da Luca Barcellona.

Gli interpreti principali, Mirko Soldano e Aleksandar Cvjetković, hanno interpretato al meglio la parte di due uomini, entrambi innamorati dell’amore che a seconda della necessità, si offre diversamente.

Una serie di bugie e malintesi, sfiorano l’assurdo nella consapevolezza di una realtà bizzarra che tocca tutti, portando spesso il sorriso e lo stupore e, mentre la verità esplode, neppure il pubblico riesce a mantenere la calma e lo stupore esplode anche dalle poltrone con esclamazioni di meraviglia.

Una serata che, nonostante il caldo, è scorsa lievemente lasciando scorrere quasi due ore senza sosta. Una serata piacevole nella semplicità di un racconto che pone l’ostilità dell’egocentrismo culturale di fronte all’ironia della semplicità che per Amore scombina le carte in tavola.

L’enigma e le sue variazioni sono presenti in ogni frase di Éric-Emmanuel Schmitt, ma quella messa in risalto anche in questa rappresentazione, rimane senza alcun dubbio quella legata alla carezza, che se da un lato vuole essere sinonimo di simbiosi, dall’altra appare come una lacerazione in quanto impossibilitata a fondersi con l’amato.

La rassegna prosegue nella sede di Udine come da programma consultabile nel sito www.festivalestivodelitorale.com

Laura Poretti Rizman

Mirko Soldano e Aleksandar Cvjetković, foto fornita da Ufficio Stampa Festil

Torna in scena venerdì 22 luglio a Trieste per FESTIL_Festival estivo del Litorale, la settima edizione organizzata da Tinaos con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia e con il sostegno della Fondazione Friuli, il Dramma Italiano Teatro Nazionale Croato Ivan pl. Zajc Fiume. La compagnia croata arriva in prima nazionale al Teatro dei Fabbri (ore 21.00), dove presenta “Variazioni enigmatiche” di Éric-Emmanuel Schmitt, nella traduzione italiana di Luca Barcellona, uno speciale thriller psicologico sulla vita e l’amore diretto da Neva Rošić, una delle artiste più importanti della città di Fiume.

Le “Variazioni enigmatiche” sono un’inusuale storia d’amore. Protagonisti sono il giornalista Eric Larsen, di cui è interprete Mirko Soldano, e Abel Znorko, scrittore premio Nobel, interpretato da Aleksandar Cvjetković, che si incontrano per conversare della prossima uscita del volume di quest’ultimo, un libro che contiene una corrispondenza d’amore tra un uomo e una donna. Compaiono solo i due attori mentre l’oggetto del loro interesse, la donna, rimane una creatura misteriosa. La pièce parte con i toni della commedia per virare verso un finale che contiene un drammatico segreto.

Schmitt ha mutuato il titolo dell’opera teatrale, la più densa di spunti autobiografici, dal compositore inglese Edward Elgar, che nella sua opera ‘Variazioni sinfoniche’, Op.36, elabora un tema nascosto in 14 variazioni; allo stesso modo, il testo presenta un’infinità di variazioni sul tema del rapporto d’amore.

“Variazioni enigmatiche” è stata messa in scena da numerosi teatri nel mondo; la prima assoluta, tenutasi al Teatro Marigny di Parigi nel 1996, ha visto Alain Delon nei panni del Premio Nobel. «La resa del curioso intrigo d’amore – scrive la regista – è affidata all’eccellente coppia dei – fortunatamente nostri – attori Aleksandar Cvjetković e Mirko Soldano. Il pezzo è molto intrigante: presenta un carosello di cambiamenti psicologici e colpi di scena tra i due personaggi».

Oltre all’amore, l’opera parla anche della solitudine quale conseguenza del timore di rimaner soli a causa della malattia.

Firma la scenografia Aleksandra Ana Buković, mentre i costumi sono di Sandra Dekanić e il disegno luci di Marin Lukanović.

 

Prevendita Ticketpoint Corso Italia, 6/c – Trieste.  Orari dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00. Vendita online biglietteria.ticketpoint-trieste.it

La biglietteria al Teatro dei Fabbri aprirà un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

www.festivalestivodelitorale.com

Scheduled Arte e spettacolo Trieste

One thought on “Variazioni enigmatiche al Teatro dei Fabbri per FESTIL 🗓

  1. Entusiasmante interpretazione dell’attore Mirko Soldano. Un testo difficile e personaggio magistralmente interpretato. Magnifica serata.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.