Verso Kamen, Museo diffuso delle Cave e della Pietra di Aurisina 🗓

FESTIVAL DEL VENTO E DELLA PIETRA  2022

8a edizione de L’ENERGIA DEI LUOGHI

RESIDENZE E LABORATORI DI SCULTURA TRANSFRONTALIERI

“VERSO IL MUSEO DIFFUSO
DELLE CAVE E DELLA PIETRA DI AURISINA” (Duino-Aurisina / Trieste)

1 – 11 settembre 2022

Verso Kamen – Museo diffuso delle Cave e della Pietra di Aurisina foto fornita da CAVE

Con le Residenze e i Laboratori di scultura transfrontalieri si apre giovedì 1 settembre il percorso “Verso Kamen – Museo diffuso delle Cave e della Pietra di Aurisina / Muzej Nabrežinskega Kamna in Kamnolomov ”, nell’ambito della rassegna “L’energia dei luoghi – Festival del Vento e della Pietra” organizzata dall’Associazione Casa C.A.V.E. – Contemporary Art, e realizzato in collaborazione con il Comune di Duino Aurisina, il Circolo Culturale Sloveno “Igo Gruden”, il “Šolski Center Srečka Kosovela Sežana (Slo) – Istituto tecnico professionale di Sesana “Srečko Kosovel” – sezione disegno in pietra”, l’Accademia di Belle Arti di Venezia, il Liceo Artistico Max Fabiani di Gorizia /Sezione scultura, con il supporto particolare della Fondazione Pietro Pittini.

In un’ottica transfrontaliera, il percorso artistico, curato dalla critica d’arte Eva Comuzzi e dagli artisti/scultori maestri Edi Carrer e Alberto Fiorin, invitati quali tutor, coinvolge sei studenti rispettivamente dell’Accademia di Belle Arti di Venezia e della Šolski Center Srečka Kosovela Sežana  (Beatrice Riva, Irene Ambrogi, Vanessa Carlesso, e Nadežda Golysheva, Žiga Dobrovoljc e Luka Harej), che saranno ospitati per undici giorni sul territorio di Duino Aurisina, nelle aziende marmifere “Andrea Mervic – scalpellino artistico” e “Marmi Cortese”, in collaborazione con Zenith C, che forniranno gli scarti di lavorazione della pietra di Aurisina e una parte di capannone dove poter scolpire.

“Quest’anno il tema delle Residenze nasce dalle osservazioni fatte nell’ambito dell’articolata poetica di Pier Paolo Pasolini” – spiega Maddalena Giuffrida, che assieme a Fabiola Faidiga è ideatrice del progetto – “e il laboratorio è finalizzato a sviluppare, attraverso la forma della pietra e il gesto scultoreo, la riflessione sulla Poesia in forma di rosa, articolata e complessa opera di Pasolini. Viene inoltre chiesto agli studenti in residenza di realizzare le opere partendo dagli scarti della lavorazione della pietra, aprendo così a riflessioni inerenti concetti del recupero e della sostenibilità, in linea con l’impegno civile di Pier Paolo Pasolini a tutela del borgo di Chia (VT), dove visse nell’ultima parte della sua vita”.

Il progetto delle Residenze e dei Laboratori di Scultura Transfrontalieri si veste infine di un valore multipolare: sociale, culturale ed economico ed è parte integrante del processo di valorizzazione del territorio del Comune di Duino Aurisina e della futura realizzazione del Museo Diffuso delle Cave e della Pietra di Aurisina, nell’ambito del Geoparco del Carso.

Importante sarà il momento conclusivo delle Residenze, sabato 10 settembre, quando la passeggiata creativa “La pietra fa il suo giro – Dalle cave alle falesie e incontro con la scultura”, in collaborazione con Estplore, con partenza alle 17.00 dal Municipio di Aurisina, porterà i partecipanti alle cave e falesie e a incontrare, nelle aziende marmifere, gli scultori e studenti in residenza, con la presentazione a cura di Eva Comuzzi. Prenotazione obbligatoria: info@estplore.it  +39 340 7634805

——

 “Poesia in forma di Rosa” di Pier Paolo Pasolini – 1964
Estratto /

Basta staccare un petalo e lo vedi.

Rosso dove doveva essere bianco,

o bianco dove doveva esser giallo, come

volete: e questo per tutta una vita,

che, per fatalità, consente UNA

SOLA VIA, UNA FORMA SOLA.

Come un fiume, che – nel meravigioso

stupefacente suo essere

quel fiume – contiene il fatale

non essere alcun altro fiume.

MAESTRI / ARTISTI:

EDI CARRER (1974, Pordenone, vive e lavora a Buia)
Ventenne intraprende un percorso artistico attraverso la pittura. Nel 1996 iniziano le prime esposizioni, collettive di pittura e incisione, mentre prosegue la ricerca di una nuova forma espressiva. Nel 1998 affronta anche la terza dimensione, scegliendo inizialmente il legno per poi passare definitivamente al marmo. Dal 1999 partecipa ai vari simposi internazionali di scultura e a numerose esposizioni di arte contemporanea nella sua regione e nei paesi limitrofi. 
Nel 2012 è tra gli artisti selezionati per la rassegna Sculpture by the sea in Australia. È chiamato a realizzare diverse opere monumentali sia in Italia, come nel caso della scultura collocato presso il Rettorato dell’Università degli Studi di Udine e quella nel Principato del Liechtenstein. Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private.

 

ALBERTO FIORIN (1967, Venezia; vive e lavora ad Aviano)
Diplomato presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara, corso di scultura nel 1987 partecipa ad un corso di formazione professionale per “Scultore Esecutore”, svoltosi presso il laboratorio di scultura S.G.F. a Torano (MS), nel quale l’artista continuerà a collaborare saltuariamente come assistente di alcuni scultori per la realizzazione di opere in marmo. A fine 1988 vince una borsa di studio di due mesi all’Accademia di Belle Arti di Monaco. Nel 1994 inizia un corso di specializzazione presso la Stadtliche Akademie Den Bilden Den Kunste di Stocarda nella classe del professor G. Spagnulo. Terminati gli studi nel 1996, si trasferisce ad Aviano (PN), dove, insieme alla moglie Seung-Hee Baik, lavora nel proprio studio di scultura e restauro, coltivando una ricerca artistica che va dall’astratto al figurativo su statue e dipinti. “Dare un riscontro fisico alle idee significa cercare risposte, porre in essere quanto si sviluppa mentalmente; tracciare un profilo pratico partendo dalle idee astratte per confutarne l’aspetto la loro concretezza, per capirne i limiti. Agire, produrre degli oggetti risponde alla necessità di praticare la realtà, di sperimentarla di portarla ad un livello metalinguistico.”

CURATRICE:

EVA COMUZZI. Storica dell’arte e curatrice
Lavora per diversi anni alla Galleria d’Arte Contemporanea di Monfalcone, specializzandosi nell’operato delle giovani generazioni. Al termine di questa esperienza, fonda NASAC (Nuova Accademia delle Arti Storico-Artistiche Contemporanee), progetto itinerante e trasversale che ha lo scopo, attraverso delle lezioni aperte a tutti e mostre d’arte di far conoscere e divulgare le arti e la loro connessione con le altre discipline. A questo proposito, nel 2015 e grazie alla collaborazione con l’istruttrice di yoga Erika Ciani, svolge workshop di arte e yoga e yoga, simboli e sacramenti dove, alla parte teorica si unisce quella pratica. Dal 2009 segue i corsi di bioenergetica e Cabala e Tarocchi di Emanuele Mocarelli e Antonino Maiorana, preziosa fonte di integrazione nel suo percorso di studi. Ha seguito i seminari della psicoanalista Marina Valcarenghi Fra gioia e Dolore, La necessità del male e Astrologia Psicosomatica tenuto da Lidia Fassio. Nel 2014 e 2016 viene selezionata in due università estive presso il Centre Pompidou e la Kent University, di Parigi. Sempre nel 2016 interviene al Workshop Animal Space, Antropocene, Aerocene, con l’artista Tomás Saraceno, in residenza presso Villa Manin di Passariano nel contesto di Rave. Nel 2017, tiene una conferenza durante il mese della cultura italiana presso la Facoltà di Filosofia dell’Università di Sarajevo dal titolo Contaminazioni crociate. Patrizia Moroso e il MOROSO Concept for Contemporary Art. Ha collaborato con l’Ambasciata Italiana e l’Ars Aevi Museum di Sarajevo, ArtVerona e MOROSO. Attualmente collabora con diverse associazioni e gallerie private e scrive per le riviste exibart e artribune. È curatrice, per l’anno in corso, della mostra dei Borsisti della Fondazione Bevilacqua La Masa, presidente del Premio O.R.A., dell’Associazione Vivere l’Accademia e docente di Cromatologia presso l’ABAUD di Udine.

from to
Scheduled Arte e spettacolo Associazioni Trieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.