Blog interculturale del Centro delle Culture di Trieste
Monday September 24th 2018

Pages

Insider

Archives

Viktor/Viktoria

Chiunque veda e dipinga un cielo verde e un pascolo azzurro, dovrebbe essere sterilizzato.

Adolf Hitler

 

 

Molte tra le persone del pubblico si sono recate a Teatro per vedere la grande attrice televisiva e cinematografica che ha riscontrato tanto successo dovuto anche alla sua simpatia prorompente. Molti però sono gli attori che non riescono ad identificare nella realtà il personaggio che propongono e così la curiosità era alta. Oltretutto recitare su di un palcoscenico non sempre equivale a recitare dietro ad una cinepresa che ti permette di rifare la scena molte volte fino ad ottenere un risultato perfetto.

Veronica Pivetti ha confermato però le aspettative, superandole di molto. Non solo ha dimostrato di essere una gran attrice anche su di un palcoscenico teatrale, ma ha soprattutto dimostrato doti canore inaspettate.

Lo spettacolo è molto curato, seppur apparentemente di gran semplicità, ma proprio in questo sta la sua eccellenza. Le scene apparentemente scarne e grigie, si animano di poco, ma riescono a trasformare i momenti mantenedo il senso del periodo storico di buia dittatura.

La regia ha voluto introdurre un linguaggio attuale in un contesto storico passato, che ha ottenuto un grande effetto.

I costumi erano molto curati e di gran qualità, così gli effetti luci e soprattutto la calibrazione del suono. Perfino gli attrezzisti che a malapena si intravedevano mentre spostavano le scene, erano vestiti come fossero comparse.

Una compagnia di attori che viaggia nel tempo, lasciando tracce di guitti di strada e di rapper, una musica che ci ricorda i carrozzoni portanti gli spettacoli nei villaggi, fluiscono verso una Berlino che sta mutando e che con fatica il mondo dell’arte contrasta. I salti nel tempo voluti dal regista destabilizzano ma rendono evidente il rischio sempre presente di cadere in trappola in una rete dittatoriale dove la mancanza di libertà massifica l’indipendenza di pensiero.

L’arte ancora una volta è la salvezza in un mondo dove a cicli alterni si cerca di renderla omogenea e controllata.

Il simbolo della mela rossa ad apertura di spettacolo, il fastidio all’imposizione d’essere in maniera assoluta perfetti, la ribellione alle conformità, la presa di posizione contro i soprusi, hanno chiuso un cerchio perfetto.

Mentre le luci della sala si spengono ed alcune fan rincorrono Giorgio Lupano per gli autografi di rito, io aspetto Veronica Pivetti per complimentarmi con lei, stimandola sia per la sua professionalità che per il suo impegno come donna a simbolo costante di una parità di genere.

Lo spettacolo Viktor & Viktoria, è il miglior modo di chiudere un cartellone ben riuscito, magari cantando insieme alla compagnia il ritornello : Il mondo cambia e cambierà la scena, Viola è il colore della libertà!

Laura Poretti Rizman

commedia con musiche liberamente ispirata all’omonimo film del 1933 di Reinhold Schünzel
versione originale Giovanna Gra
regia Emanuele Gamba

con Veronica Pivetti, Giorgio LupanoYari Gugliucci
e con Pia Engleberth, Roberta CartocciNicola Sorrenti

scene Alessandro Chiti
costumi Valter Azzini
luci Alessandro Verazzi
musiche originali e arrangiamenti Maurizio Abeni
aiuto regia Vittorio Testa

a. ArtistiAssociati / PIGRAsr

foto fornita da La Contrada

ULTIMO APPUNTAMENTO DELLA STAGIONE 2017/2018 DELLA CONTRADA DI TRIESTE
“Viktor & Viktoria”
con Veronica Pivetti 

Da venerdì 13 aprile a lunedì 16 aprile al Teatro Orazio Bobbio la Contrada mette in scena l’ultimo appuntamento della stagione: Veronica Pivetti, insieme a Giorgio Lupano, si cimenta nell’insolito doppio ruolo di Viktor/Viktoria, nato sul grande schermo e per la prima volta sulle scene italiane nella sua versione originale. 

Il mondo dello spettacolo non è sempre scintillante e quando la crisi colpisce, anche gli artisti devono aguzzare l’ingegno. Ecco allora che Viktoria, interpretata da Veronica Pivetti, talentuosa cantante disoccupata, si finge Viktor e conquista le platee ma il suo fascino androgino scatenerà presto curiosità e sospetti, tra battute di spirito e divertenti equivoci.
La rappresentazione racconta di una Berlino stordita prima dai fasti e poi dalla miseria della repubblica di Weimar dove un’attrice di provincia, Susanne Weber (Veronica Pivetti), approda in città spinta dalla fame e in cerca di scrittura. Il freddo e la miseria le hanno congelato le membra, e anche il cuore non è rimasto illeso. L’incontro con un collega attore, Vito Esposito (Yari Gugliucci) immigrato italiano, sembra cambiarle la vita. E mentre la città subisce gli umori delle nascenti forze nazionalsocialiste di Hitler in lotta con gli spartachisti dell’estrema sinistra, Susanne e Vito s’immergono negli eccessi della vita notturna weimeriana. La coppia condivide fame, scene e battute e, alla fine, anche sesso ed identità. Ed è per proprio per l’affamata ditta che Susanne si sacrifica e diventa… Viktor und Viktoria, cioè un acclamato ed affascinante en travesti, anche grazie all’aggiunta di un colorato, buffo e stravagante fallo di cotone che diventa l’emblema del loro piccolo grande segreto. Viktor und Viktoria viene acclamato in tutti i palcoscenici d’Europa. 
Una brillante compagnia capitanata dalla caustica Baronessa Ellinor Von Punkertin (Pia Engleberth) in cui spiccano Lilli Shultz, buffa e biondissima ballerina di fila di cui Vito è innamorato (Roberta Cartocci) e un attrezzista dai modi bruschi e obliqui, Gerhardt (Nicola Sorrenti) miete successi ovunque. Ma, tornati a casa per l’ultima recita, un incontro fatale con il fascinoso conte Frederich Von Stein (Giorgio Lupano) sfiorerà il cuore gelato di Susanne. Purtroppo, anche il conte ha un segreto e la liaison si complica. E, mentre a Berlino la situazione politica degenera precipitosamente, la nostra protagonista sarà costretta a fare le sue scelte: sentimentali e di vita, stando attenta a non tradire mai Vito, l’amico inseparabile, ne il conte, ormai padrone del suo cuore. Riuscirà Susanne/Viktor ad abbandonarsi fra le braccia del suo inaspettato amore senza che la scelta le risulti fatale?
Share

Nella stessa categoria

Il Rossetti va all’Università!
Il Rossetti va all’Università!

“Da lunedì 24 settembre, per due settimane, il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia sarà presente con un [Read More]

Malika Ayane e il suo Domino Tour prossimamente a Udine
Malika Ayane e il suo Domino Tour prossimamente a Udine

MALIKA AYANE “Domino Tour” 4 febbraio 2019 – ore 21.00 UDINE, Teatro Nuovo Giovanni da Udine I [Read More]

Il Dilemma dell’Identità
Il Dilemma dell’Identità

Teatro Miela giovedì 27 settembre 2018 - ore 20.00 proiezione in anteprima del film documentario IL DILEMMA [Read More]

Martina Filjak: a Fuga e la Passione Ardente
Martina Filjak: a Fuga e la Passione Ardente

lunedì 24 settembre al Teatro Verdi di Trieste – Sala Ridotto Victor De Sabata (ore 20.30), del secondo concerto in [Read More]

Aspettando Barcolana
Aspettando Barcolana

ASPETTANDO BARCOLANA 50 – DOVE TUTTO È COMINCIATO UNO SPECIALE DOPPIO APPUNTAMENTO DEDICATO AI RESIDENTI DEL [Read More]