Il muro trasparente 🗓

Mentre il tennis italiano fa scintille e ancora festeggia lAustralian Open, anche al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia si parla di tennis, intrecciando lo sport al linguaggio del teatro e a quello delle emozioni:Il muro trasparente. Delirio di un tennista sentimentalecon Paolo Valerio, ritorna per due sere alla Sala Bartoli prima di riprendere il tour nazionale. Racconta una storia damore e di passione per il tennis scandita dal protagonista in un match solitario da 1000 palleggi contro un muro di plexiglas sistemato sul boccascena, e intreccia i linguaggi dello sport, del teatro, della musica e degli effetti visuali.

Il muro trasparentespettacolo di e con Paolo Valerio, incentrato su temi del tennis e della passione, ritorna per due giorni alla Sala Bartoli prima di riprendere il suo tour nazionale, proprio mentre lItalia ancora festeggia Sinner ed i suoi trionfi allAustralian Open.

Creando una felice e stimolante contaminazione fra sport e spettacolo, fra passione sportiva e le altre passioni– gelosia, attrazione, amore – che tormentano il protagonista,  lo spettacolo fonde i linguaggi del tennis e quelli del teatro sul palcoscenico in una esperienza teatrale che si svolge su un campo da gioco.

Il muro trasparente. Delirio di un tennista sentimentaleè coprodotto dallo Stabile regionale e dal Teatro Nuovo di Verona, a cura di Monica Codena, Marco Ongaro, Paolo Valerio che veste anche il ruolo del protagonista, Max, che affronta la crisi della sua vita come ha sempre fatto: giocando a tennis.

Si misura con la passione del tennis e la passione amorosa. Gioca, pensa, racconta, si dibatte. Emergono emozioni e ossessioni. Momenti di silenzio si alternano a urli di sfida, quasi disperati, di un uomo alle prese con gerarchie di sentimenti che si travasano luno nellaltro. Le soluzioni si fanno problemi, lagonismo dellinnamoramento trascolora nella rivalità tra solitudine e vita. Avrà il fiato necessario per portare a termine la partita?

La storia damore tumultuosa e coinvolgente di Max rapisce gli spettatori, commentata da musiche che ci appartengono – una colonna sonora che viaggia dagli anni Settanta ad oggi – da emozioni, immagini di impatto e tradotta in un monologo che è anche un potente match solitario.

Max scandisce infatti il suo sfogo palleggiando quasi mille voltecontro il pubblico. Per lattore è una prova psicofisica notevole: e il pubblico?

Gli spettatori osservano tutto, protetti da un muro trasparente, un muro di plexiglas. Ecco laltro elemento curioso dello spettacolo.

Se il dibattito sulla quarta pareteha animato una parte importante della storia del teatro, qui la quarta parete è tangibile e,durante la pandemia, si era ammantata di ulteriori significati: divide e protegge, inquieta e rassicura, stupisce

Un muro trasparente campeggerà sul boccascena della Sala Bartoliin occasione di questo spettacolo, difendendo il pubblico dai potenti servizi di Max, ma non dalla corrente di emozioni che scorreranno fra lattore e la platea. E alla fine anche gli spettatori saranno chiamati a combattere un match giocoso contro il muro trasparente!

Lo spettacolo va in scena il 13 e 14 febbraio rispettivamente alle ore 19.30, alle 21 alla Sala Bartoli. I posti disponibili si acquistano alla Biglietteria del Politeama Rossetti, negli altri punti vendita e circuiti del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia o tramite il sito del Teatro www.ilrossetti.it. Informazioni allo 040.3593511

IL MURO TRASPARENTE con PAOLO VALERIO foto© Simone Di Luca, fornita da Teatro Stabile del FVG

IL MURO TRASPARENTE. DELIRIO DI UN TENNISTA SENTIMENTALE

a cura di Monica Codena, Marco Ongaro e Paolo Valerio

con Paolo Valerio

scena Antonio Panzuto

progetto fonico Nicola Fasoli

fonica Borut Vidau

direttore di scena Paolo De Paolis

disegno luci Marco Spagnolli

luci Alessandro Macorigh

una coproduzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e Teatro Stabile di Verona

from to
Scheduled Arte e spettacolo Trieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.