Inanna – A Sound Journey 🗓

 

Inanna – A Sound Journey alla Biennale Internazionale Donna
Sala Luttazzi al Magazzino 26 – Porto Vecchio di Trieste

venerdì 29 dicembre, ore 17.00

Foto Chiara Spizzo

Nell’ambito della IV edizione della Biennale Internazionale Donna dal tema “Respirare con il Mondo” – al Magazzino 26 del Porto Vecchio di Trieste – si esibirà l’artista Chiara Spizzo nella sua performance “Inanna – A Sound Journey”, venerdì 29 dicembre 2023, alle ore 17.00, alla Sala Luttazzi nel suggestivo scenario del Magazzino 26, Porto Vecchio – Trieste. Evento aperto a tutti, con biglietto di ingresso e visita guidata alla mostra (biglietto: 5 euro – intero e 3 euro – ridotto).

Inanna – a Sound Journey è una performance rituale in cui il suono della voce, dell’arpa, del tamburo sciamanico e di altri strumenti sacri evocano il viaggio iniziatico della dea sumera Inanna, accompagnandola non dal primo all’ultimo, bensì dall’ultimo al primo respiro della sua Rinascita.

Quella di Inanna è una storia di Resurrezione al femminile che, evocata oggi, diventa una storia di Resurrezione del Femminile in tutti i suoi aspetti a lungo sopiti e mutilati. Nella sua discesa agli inferi verso la sua controparte, la sorella Ereshkigal, Inanna è costretta a lasciare, una a una, le sue vesti, le sue qualità, la sua identità, il suo nome, andando incontro alla dissoluzione dell’ego e alla morte: un passaggio necessario per la sua rinascita e acquisizione di nuova consapevolezza – dunque, potere.

Attraverso i suoni evocativi della voce, degli strumenti e della parola poetica, gli spettatori si immergeranno in una dimensione onirica in cui potranno seguire Inanna nel suo Viaggio, accedendo in prima persona al potere di questo antico racconto e connettendosi al suo cuore pulsante attraverso la chiave del proprio respiro.

Il ciclico susseguirsi di inspirazione ed espirazione, di cui noi tutti facciamo costantemente esperienza, rispecchia infatti il ciclo vita–morte–rinascita che sottende a tutti i cicli che regolano il nostro corpo e la vita sul nostro pianeta e che riecheggiano potentemente nel viaggio di discesa e risalita della Dea.

La connessione al respiro, unita al suono e al suo potere di riattivare in noi memorie ancestrali, potrà dunque risvegliare la consapevolezza delle continue morti e rinascite a cui, come Inanna, ci sottoponiamo (o a cui cerchiamo talvolta di opporre resistenza) nel corso della nostra vita, che sono ciò che ci permette di trasformarci ed evolvere, incarnando una versione sempre più integra ed espansa di ciò che siamo chiamati ad essere.

Scheduled Arte e spettacolo Trieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.