Big in Korea 🗓

Venerdì 16 e sabato 17 febbraio

ore 20.30

Teatro dei Fabbri
Via dei Fabbri 2/A – Trieste

BIG IN KOREA

drammaturgia Francesco d’Amore e Luciana Maniaci (Maniaci d’Amore)

con Tommaso Bianco e Maurizio Sguotti

disegno luci Alex Nesti

regia Kronoteatro

produzione Kronoteatro / Teatro nazionale di Genova

con il sostegno della Residenza artistica “Vettori” della Contrada Teatro stabile di Trieste

TRIESTE – Il 16 e il 17 febbraio va in scena, alle 20.30, al Teatro dei Fabbri di Trieste, nell’ambito della rassegna di teatro contemporaneo “AiFabbri2” della Contrada, “Big in Korea”, l’intrigante analisi di un particolare rapporto umano, caratterizzato da un’ombra di sadismo, fra maestro e discepolo (nella fattispecie fra il mister, cioè l’allenatore, e un aspirante calciatore). La rappresentazione, una produzione di Maniaci d’Amore e Kronoteatro, è leggibile come una sorta di “menzogna vitale” ibseniana: un lavoro che coinvolge emotivamente lo spettatore, grazie alla felice capacità interpretativa di Tommaso Bianco e Maurizio Sguotti.

Al centro della drammaturgia c’è una relazione sfuggente: quella tra un giovane e il suo vecchio allenatore di calcio. Da trent’anni i due si trovano ogni domenica al campetto del paese. Ma non si allenano. Il loro è un lungo apprendistato teorico aspettando il momento in cui potranno cominciare a giocare. Non è ancora arrivato quel momento, sembra non arrivare mai. In quell’ora di studio il mister e l’allievo favoleggiano insieme del posto in cui andranno, un giorno: la Korea. Lì, a quanto pare, è possibile per un vecchio zoppo e un uomo che ha superato i 35 anni essere considerati ancora idonei per iniziare una carriera. Lì saranno, finalmente, grandi. Così lo sport per loro non è più una pratica, ma un linguaggio puro, una grammatica relazionale, o forse un mondo fantastico che abitano solo loro. Per alcuni il piano concreto della vita è poco più che una gabbia e l’unica chiave per forzarla si trova sul confine della follia.

Quello che viene narrato qui è un momento di soglia della vita, “quel momento”,  in cui si è quasi pronti: a spiccare il volo, a mollare la presa, ad entrare nella vita, o a lasciarla. E si chiedono se il territorio del “quasi” possa espandersi all’infinito, fino a coprire tutta un’esistenza.

from to
Scheduled Arte e spettacolo Trieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.