La lezione 🗓

“LA LEZIONE” di EUGENE IONESCO con NANDO PAONE e DANIELA GIOVANETTI e la regia di ANTONIO CALENDA

 

LA LEZIONE
di Eugène Ionesco
con Nando Paone, Daniela Giovanetti, Valeria Almerighi
regia Antonio Calenda

aiuto regia Alessandro Di Murro
scenografia Paola Castrignanò
costumista Giulia Barcaroli
disegno luci Luigi Della Monica
coproduzione Tradizione e Turismo – Centro Di Produzione Teatrale – Teatro Sannazaro, Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Accademia Perduta Romagna Teatri e Fattore K

 

 

 

 

È lieve e divertente ma rivela poi l’assurdità della condizione umana “La lezione” di Eugene Ionesco che – diretta da Antonio Calenda e con protagonisti Nando Paone e Daniela Giovanetti – è una nuova coproduzione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Da non perdere da giovedì 29 febbraio a domenica 3 marzo al Politeama Rossetti.

Così anticipa il comunicato che viene divulgato ai giornali, ma la notizia più importante è certamente il ritorno di Antonio Calenda come regista in città.

Dopo anni di direzione del Teatro Stabile cittadino, il grande maestro teatrale ritorna proponendo un testo del grandissimo commediografo dell’assurdo, Eugene Ionesco.

Un assurdo che si avvicina moltissimo alla realtà, vista con gli occhi del quotidiano vivere, e che ripone un genere grottesco in un ambito più visionario ed anticipatore.

Eccellente la scelta degli attori Nando Paone, Daniela Giovanetti e Valeria Almerighi che hanno interpretato al meglio, e non c’era ombra di dubbio conoscendo le loro professionalità, i personaggi a loro affidati.

La scena è scarna: due gli armadi, così come due possono essere le uscite dalla storia. Due le donne in scena, con ruoli e mentalità diverse.

Il colore di fondo è un marrone scuro, molto scuro, dove la nota bianca indossata dal genere femminile, non riesce a risplendere o a farsi ascoltare.

L’incomprensione e la paura della perdita del potere, l’incapacità di aprirsi all’ascolto ed al nuovo e la prepotenza tirannica, riportano un testo nell’attualità, quando troppo spesso ci ritroviamo a chiederci se stiamo vivendo un sogno o un incubo, se è possibile davvero quello che sta accadendo o ancor peggio quello che potrebbe accadere.

L’uccisione dell’allieva dunque non appare soltanto come un gesto assurdo ma fattibile in quanto visto e rivisto mille volte ma ancor peggio, giustificato e nascosto.

Non si tratta neppure di politica in fondo, anche se in fondo e in maniera forte, è stato dato questo volto. Si tratta di follia diffusa, anche nei piccoli grandi gesti di sopruso dell’altro, giudicato più debole.

Non a caso una donna, non a caso molto giovane.

Uno spettacolo per cuori forti. Uno spettacolo che va meditato e assorbito, ma decisamente va visto.

Laura Poretti Rizman

 

 

 

«Lo spettacolo che è desunto da uno dei testi canonici dell’innovazione teatrale del Novecento, di un autore particolare come Eugene Ionesco, è la descrizione di una lezione di un professore nei confronti di un’allieva. Ma questa lezione, che sembra essere lieve e in qualche modo divertente, a poco a poco si trasforma in un atto di violenza, di vessazione. Questo professore arriverà al punto di uccidere la sua allieva. Ora tutti si chiedono: ma allora è un dramma? No. È una commedia, che fa ridere pur essendo tragica. Potremmo dire che questo è il teatro più indicativo della tradizione della tragicommedia, uno spettacolo che fa ridere e fa molto riflettere. Credo che sia una sorta di caratteristica che deve invitare e sollecitare a venire a teatro» dice il regista Antonio Calenda a proposito de “La Lezione” di Ionesco coprodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia che sarà in scena al Politeama Rossetti dal 29 febbraio al 3 marzo.

Le sue parole danno ragione di una crescente curiosità e attenzione attorno a questa operazione che è stata molto lodata al suo recente debutto e conta su un cast di attori molto intrigante.
Un interprete dalla comicità rarefatta e surreale come Nando Paone è infatti stato scelto per il ruolo del professore, mentre l’allieva sarà Daniela Giovanetti, che il pubblico di Trieste ha apprezzato tante volte, fino al fantasioso e contemporaneo “Cuore – Sostantivo maschile” in cui è stata applaudita lo scorso aprile. Completa il cast Valeria Almerighi nel ruolo della cameriera.
Per Antonio Calenda – che lo scorso anno, ha ricevuto il Sigillo Trecentesco della Città a riconoscimento del prezioso contributo culturale e artistico che ha offerto durante i molti anni di direzione del Teatro Stabile – sarà dunque un ritorno che susciterà molto interesse, proprio per la scelta di questo testo, che dalle scene triestine manca addirittura dagli anni Settanta e che invece può dire molto alle platee contemporanee.

«“La lezione” è una delle opere più rappresentative della produzione di Eugène Ionesco. Con il suo nonsense, attraverso una comicità paradossale, il drammaturgo mette in scena l’irrazionalità della condizione umana e l’angoscia che opprime le esistenze. La deformazione del linguaggio e delle psicologie dei personaggi, sono la più rarefatta metafora della sterilità degli individui; che si muovono come fantasmi grotteschi e, talvolta, sono colmi di umorismo malinconico. Il rovesciamento delle situazioni, riflette senz’altro l’ipocrisia dei rapporti sociali e delle convenzioni all’interno della società. Infine, la circolarità dello spettacolo, che termina nello stesso modo in cui è iniziato, lascia intravedere l’impossibilità del cambiamento.È bene ricordare – sottolinea il regista nelle sue note – che “La Lezione” è stata scritta nel 1951. Ionesco aveva assistito ai drammi delle due Guerre mondiali. La nascita e la diffusione di quel teatro inscrivibile sotto il nome di “Assurdo” è ben comprensibile. Soltanto le atrocità della guerra possono far comprendere il non-senso, il paradossale e l’illogico che contraddistinguono il genere umano. Il suo teatro allude, profetico, all’attualità disarmante che ci circonda. Crediamo che Ionesco meriti la Renaissance che si sta profilando sui palcoscenici di tutta Europa e alla quale il nostro spettacolo vuole contribuire».

Eugène Ionesco è nato a Slatina, in Romania, da padre romeno e madre francese, figlia di un ingegnere ferroviario. La sua famiglia emigra in Francia nel 1913 e all’età di undici anni inizia a scrivere i suoi primi testi. Nel 1925 il divorzio dei genitori lo riporta in Romania assieme al padre, dove intraprende gli studi letterari all’Università di Bucarest. Sentitosi incompreso dal padre, che non capisce il suo interesse per la letteratura, torna a vivere con la madre che nel frattempo l’aveva raggiunto in Romania.
Nel 1938 parte per la Francia per preparare la sua tesi ma l’inizio della Seconda Guerra Mondiale lo obbliga a ritornare in Romania dove rimarrà fino al 1942. Ritorna poi in Francia definitivamente e nel 1950 ottiene la nazionalità francese.
Nel 1950 Eugène Ionesco presenta al pubblico la sua prima opera, “La cantatrice calva” al Théâtre des Noctambules. Malgrado l’insuccesso segna profondamente il teatro contemporaneo con l’impiego del “non-sens” e il grottesco come leva satirica e metafisica, diventando così il padre di un nuovo genere teatrale: il teatro dell’assurdo, o meglio dell’ “insolito” come preferisce definirlo. Conosciuto ormai per il suo talento, che gli permette di vivere della sua arte, raggiunge nel 1959 la consacrazione con l’opera “Rinoceronti”, dove denuncia ogni forma di totalitarismo.
Autore di importanti scritti sul teatro, entra nel 1971 a far parte de l’Académie française. Negli ultimi ultimi anni si cimenta nei generi del romanzo e dell’autobiografia.

“La lezione” va in scena alla Sala Assicurazioni Generali da giovedì 29 febbraio a domenica 3 marzo, sempre alle 20.30 tranne domenica (inizio ore 16). I biglietti sono disponibili alla Biglietteria del Politeama Rossetti e nei circuiti consueti del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia: www.ilrossetti.vivaticket.it Informazioni sul sito www.ilrossetti.it e 040.3593511.

 

 

“Nando Paone e gli interpreti de “La Lezione” di Ionesco, saranno protagonisti dell’incontro condotto da Paolo Quazzolo venerdì 1 marzo alle ore 18 alla Sala Bartoli. Sarà occasione di approfondire il capolavoro di Ionesco in scena fino a domenica. L’iniziativa è organizzata dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia con il Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste”.
Nando Paone, Daniela Giovanetti e gli interpreti de “La Lezione” di Ionesco, saranno protagonisti dell’incontro condotto da Paolo Quazzolo venerdì 1 marzo alle ore 18 alla Sala Bartoli. Sarà occasione di approfondire il capolavoro di Ionesco in scena fino a domenica.
Come sempre le conferenze di approfondimento, si tratta di un appuntamento a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.
L’iniziativa a ingresso libero è realizzata in collaborazione con il Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste.

from to
Scheduled Arte e spettacolo Trieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.