Alabarde Spaziali. 60 anni di Festival e Fantascienza a Trieste al Castello di San Giusto đź—“

PRESENTATA LA MOSTRA “ALABARDE SPAZIALI. 60 ANNI DI FESTIVAL E FANTASCIENZA A TRIESTE”, INAUGURATA VENERDI’ 15 SETTEMBRE ALLE ORE 19 AL BASTIONE FIORTO DEL CASTELLO DI SAN GIUSTO

Inaugurazione, foto fornita da COMTS-TG

La mostra “Alabarde Spaziali. 60 anni di Festival e Fantascienza a Trieste è stata presentata venerdì 15 settembre al Castello di San Giusto presso il Bastione Fiorito nel corso di una conferenza stampa introdotta dall’ Assessore alle Politiche della Cultura e del Turismo, Giorgio Rossi alla presenza di Stefano Bianchi, Responsabile dei Musei Storici e Artistici del Comune di Trieste, Anna Krekic, Conservatore del Castello di San Giusto, Chiara Barbo, Presidente e Francesco Cappellotto de La Cappella Underground. Erano presenti inoltre il fotografo Ugo Borsatti, il consigliere comunale Giovanni Barbo, Andreja Bruss e Diana Delise del Comune di Trieste, il regista Diego Cenetiempo, Marco Catenacci, Luca Luisa, Maks Maltoni e Francesco Ruzzier de La Cappella Underground.

“La nostra presenza qui oggi – ha esordito l’Assessore Rossi – dimostra come si possa rinascere dalle ceneri, perchĂ© questo è lo spazio dove la Fondazione Fratelli Alinari aveva delle grandi prospettive che però non si sono realizzate; finalmente oggi è stato riaperto e ospita questa interessantissima mostra. E’ importante per aprire la mente e non cristallizzarsi ricordare oggi quello che nel 1963 sembrava impossibile da realizzare e poi invece si è concretizzato. Il futuro comincia da oggi anche per la riqualificazione del castello: una scommessa dell’Amministrazione comunale che sta ottenendo, grazie anche alle numerose attivitĂ  ospitate, grandi numeri e l’apprezzamento del pubblico. Vi faccio i complimenti – ha concluso Rossi – per aver ricordato il festival della fantascienza dopo 60 anni; in mostra abbiamo visto una carrellata dei primi film presentati e che sono molto affascinanti, perchĂ© rappresentavano una realtĂ  che pian piano si è venuta a realizzare: dalla conquista dello spazio allo sbarco sulla Luna. Vi ringrazio perchĂ© ci avete messo passione, che è quella che ci spinge tutti ad andare avanti”.

“Questa mostra, oltre a essere un’occasione importante di collaborazione con La Cappella Underground e di ripensamento di quella straordinaria avventura che è stato il Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste – ha rilevato Stefano Bianchi – ci ha fornito anche l’opportunità per riaprire questo straordinario spazio del Bastione fiorito con un’attività espositiva di rilievo. Questa sede importante per le esposizioni temporanee è uno spazio che, nel contesto complessivo di riqualificazione, rivalutazione e promozione del Castello di San Giusto, avrà una funzione fondamentale”.

“E’ per me un grande piacere poter riaprire queste sale che sono rimaste chiuse per molto tempo ed è motivo di grande gioia offrire alla cittadinanza degli spazi così belli e iniziare con questa mostra una nuova stagione espositiva – ha ricordato Anna Krekic – che andrĂ  avanti nel tempo. La nostra idea è di far in modo che questo sia uno spazio in cui ospitare delle mostre che coinvolgano tutto il territorio sotto vari punti di vista. Sono molto felice di iniziare con gli amici della Cappella Underground e con una mostra che celebra una realtĂ  meravigliosa come il Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste che si è tenuto per vent’anni d’estate al Castello di San Giusto e poi è rinato all’alba degli Anni Duemila come Trieste Science+Fiction proprio grazie alla Cappella Underground. Una realtĂ  ancora viva e attiva che fa del suo passato un grande tesoro. Riaprire queste sale non era facile e anche grazie a loro ci siamo riusciti”.

Molte delle immagini in esposizione provengono dall’archivio di Ugo Borsatti che, portando il suo saluto, ha voluto pronunciare l’iconica frase- simbolo del Trieste Science+Fiction, “Raggi fotonici”.

“Ringrazio il Comune – ha dichiarato Chiara Barbo – per averci messo a disposizione uno spazio bellissimo e siamo onorati di essere in primi a inaugurarlo nuovamente. Il Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste ha posto la cittĂ  al centro della cinematografia di fantascienza, ma non solo, internazionale: Trieste è stata e deve continuare a essere una cittĂ  importante su questa mappa e quindi siamo contenti di contribuire a farlo anche con questa mostra. Come Cappella Underground stiamo lavorando per essere sempre piĂą in dialogo con la cittĂ  e le istituzioni, ma anche con i turisti e quindi non solo nei nostri spazi naturali (cinema Ariston, mediateca di via Roma, Casa del cinema e Giardino del cinema al Giardino pubblico) ma anche in questo nuovo spazio in cui speriamo di incontrare la città”.

“La mostra – ha proseguito Chiara Barbo – presenta una parte di fotografie che testimoniano e raccontano quello che è stato il Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste e una piĂą divulgativa a cui teniamo molto: abbiamo realizzato dei video e una raccolta, grazie ai generosi prestiti, di oggetti pensata proprio per arrivare a un pubblico piĂą ampio possibile, sia ai fan che a chi non conosce molto il cinema di fantascienza e pensiamo che questa sia una bella occasione per avvicinarvisi. Un ringraziamento a Elettra Sincrotrone che ha prestato una delle proprie preziose camere sperimentali immaginata come oggetto espositivo, a tutto lo Staff della Cappella Underground impegnato nell’allestimento, che è stato frutto di un grandissimo lavoro di squadra e a Daniele Terzoli, uno dei principali esperti della fantascienza triestina che è stato il primo ad avere l’idea di realizzare questa mostra celebrativa del Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste”.

I contenuti della rassegna espositiva sono stati infine illustrati da Francesco Cappellotto, che ha ricordato come la mostra sia nata dalla volontĂ  di celebrare i 60 anni dalla prima edizione del Festival internazionale della Fantascienza di Trieste e di voler riportare il Festival dove si era svolto, al Castello di San Giusto.

“La maggior parte delle immagini in mostra – ha riferito Cappellotto – rappresenta l’ereditĂ  lasciati dall’Azienda di soggiorno e turismo che ne è stata promotrice dal 1963 al 1982. La cosa principale per un festival sono i film, quindi abbiamo scelto 20 pellicole prendendone le foto promozionali e grazie all’archivio Borsatti abbiamo creato, oltre ai film, una grande linea del tempo per raccontare la cronistoria degli eventi principali di ogni anno accompagnata da una didascalia tratta dalle pagine del quotidiano “Il Piccolo” e dagli articoli di Paolo Lughi”. Tra i materiali storici anche documenti e lettere autografate da Fritz Lang e Isaac Asimov. “Nell’altra ala – ha ripreso Cappellotto – abbiamo voluto trovare 10 elementi e abbiamo creato per ognuno un percorso video in cui si fotografa l’evoluzione della fantascienza dalle origini a oggi. Sono inoltre esposti albi a fumetti, memorabilia, gadget e giocattoli riguardante la fantascienza che descrivono tutto quanto ruota attorno alla fantascienza e ai film di fantascienza. Sono infine visibili due costumi de La decima vittima e Terrore nello spazio”.

La mostra – realizzata dal Comune di Trieste – Assessorato alle Politiche della Cultura e del Turismo in co-organizzazione con La Cappella Underground, con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione CRTrieste, de Le Fondazioni Casali e con la collaborazione di Elettra-Sincrotrone Trieste – celebra il sessantesimo anniversario della nascita del Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste (1963-1982), aprirĂ  al pubblico giovedì 16 settembre e proseguirĂ  fino al 4 febbraio 2024 negli splendidi spazi del Bastione Fiorito, che tornano a ospitare eventi espositivi negli orari di apertura del Castello di San Giusto e senza costi aggiuntivi al biglietto di ingresso del Museo.

“Il futuro comincia stasera al Castello di San Giusto”. Così scrisse il Piccolo il 6 luglio 1963 in occasione dell’inaugurazione della prima edizione del Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste, primo evento al mondo dedicato al cinema di fantascienza.

Il Festival proseguì con successo fino al 1982 tenendosi nel mese di luglio nel Cortile delle Milizie del Castello di San Giusto. Scomparso per quasi vent’anni, rinacque dalle sue ceneri all’alba del nuovo millennio come Trieste Science+Fiction Festival, cambiando sede e periodo dell’anno. Tuttora è uno dei più importanti festival di genere a livello internazionale ed è curato da La Cappella Underground.

Per celebrare i 60 anni dalla nascita del Festival Internazionale del Film di Fantascienza, il Comune di Trieste in co-organizzazione con La Cappella Underground riporta la science-fiction al Castello di San Giusto con la mostra Alabarde Spaziali. 60 anni di Festival e Fantascienza a Trieste, che racconta la storia del Festival a partire dalle sue origini e l’evoluzione di oltre un secolo di cinema di fantascienza.

Scatti d’epoca e fotobuste originali dei film che hanno fatto la storia del Festival, una galleria video dedicata alla Fantascienza cinematografica in ogni sua forma, costumi di scena, memorabilia e altre sorprese aspetteranno i “visitors” del Castello.

Mostra a cura di:

La Cappella Underground

Coordinamento generale:

Anna Krekic, conservatore del Castello di San Giusto

Coordinamento amministrativo:

Andreja Bruss

Progetto grafico e di allestimento:

Francesco Cappellotto

Ricerche e testi:

Francesco Cappellotto, Marco Catenacci, Luca Luisa, Maks Maltoni, Francesco Ruzzier

Traduzioni:

Beatrice Biggio

Video:

Diego Cenetiempo

Hanno collaborato:

Claudia Colecchia

Diana Delise

Realizzazione dell’allestimento:

Erreci PubblicitĂ  Srl

Documenti e fotografie:

Fototeca dei Civici Musei di Storia ed Arte di Trieste

Foto Omnia di Ugo Borsatti

Il Piccolo

Prestatori:

Alan Jones, Londra

Luca Luisa, Trieste

The One Costumes, Roma

Elettra Sincrotrone, Trieste

Mario Valastro, Trieste

 

Alabarde Spaziali. 60 anni di Festival e Fantascienza a Trieste è la mostra che celebra il sessantesimo anniversario della nascita del Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste (1963-1982) e che aprirà al pubblico sabato 16 settembre, negli splendidi spazi del Bastione Fiorito del Castello di San Giusto che tornano a ospitare eventi espositivi.

La mostra è realizzata dal Comune di Trieste – Assessorato alle Politiche della Cultura e del Turismo in co-organizzazione con La Cappella Underground, con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione CRTrieste, de Le Fondazioni Casali e con la collaborazione di Elettra-Sincrotrone Trieste.

“Il futuro comincia stasera al Castello di San Giusto”. Così scrisse il Piccolo il 6 luglio 1963 in occasione dell’inaugurazione della prima edizione del Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste, primo evento al mondo dedicato al cinema di fantascienza.

Il Festival proseguì con successo fino al 1982 tenendosi nel mese di luglio nel Cortile delle Milizie del Castello di San Giusto. Scomparso per quasi vent’anni, rinacque dalle sue ceneri all’alba del nuovo millennio come Trieste Science+Fiction Festival, cambiando sede e periodo dell’anno. Tuttora è uno dei più importanti festival di genere a livello internazionale ed è curato da La Cappella Underground.

Per celebrare i 60 anni dalla nascita del Festival Internazionale del Film di Fantascienza, il Comune di Trieste in co-organizzazione con La Cappella Underground riporta la science-fiction al Castello di San Giusto con la mostra Alabarde Spaziali. 60 anni di Festival e Fantascienza a Trieste, che racconta la storia del Festival a partire dalle sue origini e l’evoluzione di oltre un secolo di cinema di fantascienza. Scatti d’epoca e fotobuste originali dei film che hanno fatto la storia del Festival, una galleria video dedicata alla Fantascienza cinematografica in ogni sua forma, costumi di scena, memorabilia e altre sorprese aspetteranno i “visitors” del Castello nei magnifici spazi del Bastione Fiorito, che con questa mostra riapre al pubblico inaugurando la sua nuova stagione espositiva.

La mostra sarĂ  visitabile dal 16 settembre 2023 al 4 febbraio 2024 negli orari di apertura del Castello di San Giusto e senza costi aggiuntivi al biglietto di ingresso del Museo.

from to
Scheduled Arte e spettacolo Trieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.