(Tra parentesi) La vera storia di un’impensabile liberazione 🗓

“Massimo Cirri e Peppe Dell’Acqua diretti da Erika Rossi sono i protagonisti di “(Tra parentesi) La vera storia di un’impensabile liberazione” produzione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia che va in scena dal 5 al 10 marzo e evoca la rivoluzione basagliana”.

(Tra parentesi) La vera storia di un’impensabile liberazione

Dopo l’applaudita prima edizione – varata nel 2018, in occasione del quarantennale della legge Basaglia – il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia riprende in sede e in tournée la fortunata produzione “(Tra parentesi) La vera storia di un’impensabile liberazione” scritta e interpretata da Massimo Cirri e Peppe Dell’Acqua e diretta da Erika Rossi.

Lo spettacolo va in scena alla Sala Bartoli il 5 marzo alle ore 21 e vi replica fino a domenica 10 marzo, anticipando di poche ore il giorno della nascita di Franco Basaglia, avvenuta cent’anni fa.

Lo spettacolo ha infatti l’intento di ricordare Franco Basaglia, nel centenario della sua nascita (1924-2024), ponendo in luce la sua professionalità, l’umanità, le fondamentali intuizioni così “rivoluzionarie” e fondamentali per la cura e la dignità dei malati.

In particolare in una regione come il Friuli Venezia Giulia, e in una città – Trieste – dove l’azione e la “rivoluzione” di Franco Basaglia sono state tanto significative, ricordare, continuare a discutere ed essere consapevoli di tutto questo è essenziale.
Il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia prende parte a tale riflessione con i propri strumenti: quelli del palcoscenico, del linguaggio teatrale, che può diventare più di ogni altra arte la chiave per addentrarsi in ambiti solo apparentemente lontani.

Ecco allora “(Tra parentesi) la vera storia di un’impensabile liberazione”, che sgorga dall’inestimabile apporto di due autori e protagonisti inconsueti, ma che possiedono un punto di vista privilegiato e importante sul tema: Massimo Cirri e Peppe Dell’Acqua.

Gorizia, 16 novembre 1961. Un medico di 37 anni entra nel manicomio di Gorizia. Ci sono viali alberati, muri, reparti, e porte chiuse. Lui si chiama Franco Basaglia: sarà il nuovo Direttore. Quello che vede lo disorienta e lo sconcerta. Di fronte a tanta violenza vorrebbe scappare via. Per restare, non può che scommettere il suo potere di direttore per cambiare ogni cosa.
Roma, maggio 1978. In un’Italia ancora scossa per l’assassinio del presidente Aldo Moro, il Parlamento approva la legge 180. Si tratta dell’atto di nascita della riforma psichiatrica, che ridisegna lo statuto giuridico dei malati di mente e stabilisce la chiusura degli ospedali psichiatrici. La riforma rappresenta un punto di arrivo di un ampio movimento sociale, formato in larga misura da operatori, che da alcuni anni si battono per la chiusura dei manicomi. Leader di questo movimento è Franco Basaglia.
Massimo Cirri e Peppe Dell’Acqua raccontano un po’ di questa Storia e dei suoi mille intrecci e delle tante storie minime di uomini e di donne che l’internamento hanno vissuto. Una storia che non è finita, che non potrà mai finire. Lo fanno dialogando, per l’idea (basagliana?) che si riesca a dire qualcosa di più quando c’è un’incontro, uno scambio, una narrazione.
Questi due ‘matti’ decidono di esporsi e mettere in campo la loro storia, la loro esperienza, tentando di colmare il vuoto di memoria che nel corso degli ultimi decenni si è creato intorno al cambiamento più radicale che si è realizzato nel nostro Paese.

Oggi benché l’esperienza italiana abbia influenzato le culture in ogni angolo del mondo, le politiche della salute mentale vivono in tutte le nostre regioni un calo di investimenti di risorse e di interesse. Il manicomio si ricompone nelle diagnosi, nei luoghi angusti della cura, nell’abbandono, nella restrizione delle libertà e dei diritti che proprio la legge aveva posto come premessa per accogliere e trattenere nelle relazioni le persone che vivono l’esperienza del disturbo mentale.
La conoscenza di quanto è accaduto e di quanto può (e deve) ancora accadere va diffusa. La scommessa di Massimo e Peppe nasce dalla consapevolezza che con Franco Basaglia si è aperta la possibilità di incontrare l’altro. Da allora con fatica cerchiamo di realizzare una società che contenga sia la normalità che la follia.
La conversazione può finalmente cominciare.

GLI AUTORI
Peppe Dell’Acqua, giovane medico non ancora specializzato in psichiatria, cerca Franco Basaglia per lavorare con lui. Lo segue a Trieste – dopo Gorizia in questa storia c’è Trieste – e prosegue il viaggio.
Massimo Cirri conduce Caterpillar su Radio 2 ma ha lavorato per 25 anni nei servizi di salute mentale, quelli al posto del manicomio.

Lo spettacolo alla Sala Bartoli di Trieste va in scena alle ore 21 dal 5 al 10 marzo: i biglietti ancora disponibili sono in vendita nei circuiti consueti del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia: www.ilrossetti.vivaticket.it
Informazioni sono disponibili sul sito www.ilrossetti.it e al tel 040.3593511.

“(TRA PARENTESI) LA VERA STORIA DI UN’IMPENSABILE LIBERAZIONE”
di e con Massimo Cirri e Peppe Dell’Acqua
regia Erika Rossi
luci Alessandro Macorigh
produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

from to
Scheduled Arte e spettacolo Trieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.